Esuberi al Porto di Gioia Tauro, i lavoratori incassano il sostegno del sindaco Idà

Il primo cittadino di Rosarno e il capogruppo “Cambiamo Rosarno” Papaianni manifestano la propria vicinanza ai portuali: “Il nostro è un territorio ad alto tasso di disoccupazione e non possiamo permetterci ulteriori tagli sulle teste dei lavoratori”

di Redazione
18 ottobre 2016
11:19

Il primo cittadino di Rosarno, Giuseppe Idà unitamente al capogruppo “Cambiamo Rosarno” Pasquale Papaianni si schierano a sostegno dei lavoratori portuali per la battaglia che stanno svolgendo in questi giorni a difesa dei posti di lavoro.

Ciò è stato ribadito durante un incontro avvenuto con una rappresentanza di lavoratori portuali ai quali hanno manifestato la propria vicinanza per il difficile momento che stanno attraversando.


 Gioia Tauro, incontro sindacati-Mct: confermati 442 esuberi

 

“Il nostro - spiegano i due esponenti - è un territorio ad alto tasso di disoccupazione e non possiamo permetterci ulteriori tagli sulle teste dei lavoratori, compiendo atti del genere oltre a generare pesanti difficoltà ai lavoratori e alle loro famiglie si incentiva la disaffezione al territorio e il progressivo spopolamento  specie nelle fasce più giovani”.

“Gli ammutinati” del porto in assemblea: «Ci licenzieranno perchè non c'è meritocrazia»

 

L’amministrazione comunale di Rosarno inserirà nel prossimo Consiglio comunale (27 ottobre) un ordine del giorno specifico sulla questione Porto di Gioia Tauro palesando la posizione che l’ente intende mantenere in merito a codesta problematica, secondo il primo cittadino occorre ragionare all’interno di un ottica di programmazione ad ampio raggio su retroporto, e maggiore rappresentanza da parte delle Istituzioni locali nei tavoli che trattano rilevanti questioni per lo sviluppo e potenziamento dello scalo portuale, mentre nell’imminente occorre intervenire nel non garantire rendite posizione a pioggia ma consentire a meritevoli di continuare a lavorare presso lo scalo portuale della Piana, per fare ciò occorre pensare ed attuare tutte le forme di salvaguardia a difesa del posto di lavoro possibili pensando anche in caso estremo a rispolverare l’istituto del contratto di solidarietà.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio