Presi i presunti complici del killer di Vincenzo Torcasio - FOTO-VIDEO

Si tratta dei fratelli Bruno e Alfredo Gagliardi, esponenti di spicco delle cosche della ‘ndrangheta lametina, Iannazzo e Cannizzaro - Da Ponte. I due, insieme a Gennaro Pulice, sono ritenuti responsabili dell'omicidio di Vincenzo Torcasio, freddato nel 2003 a Falerna Marina

di Redazione
8 febbraio 2016
08:08

Alle prime ore di oggi la Polizia di Stato ha tratto in arresto i fratelli Bruno e Alfredo Gagliardi, eseguendo il provvedimento che ne dispone la custodia cautelare in carcere, spiccato dal GIP distrettuale, che ha fatto proprie le istanze della Procura DDA di Catanzaro.

 

 I fratelli Gagliardi, esponenti di spicco delle cosche della ‘ndrangheta  lametina, Iannazzo e Cannizzaro - Da Ponte, sono ritenuti responsabili  dell'omicidio di Vincenzo Torcasio, ucciso a colpi di pistola nei pressi  di un noto locale notturno a Falerna Marina (CZ) il 26 luglio del 2003.  Alla cattura dei fratelli hanno provveduto i poliziotti della Squadra  Mobile di Catanzaro, le cui indagini, coordinate dalla locale Procura  della Repubblica, hanno ricostruito il cruento fatto di sangue facendo  piena luce sulle modalità di consumazione del delitto e sul contesto di  ‘ndrangheta in cui si inquadra.

 

Le dichiarazioni di Gennaro Pulice - Il fatto di sangue è stato puntualmente ricostruito grazie anche alle dichiarazioni di Gennaro Pulice, divenuto collaboratore di giustizia successivamente all'esecuzione, nello scorso maggio, dell'operazione Andromeda, che ha reso informazioni sugli anni trascorsi al servizio dei clan lametini.

 

Le dichiarazioni di Pulice hanno aggiunto un tassello ulteriore alle pregresse evenienze d'indagine che già nell'ambito dell'operazione Andromeda avevano consentito l'arresto, per i fatti in questione, dello stesso Pulice Gennaro ed Anzalone Angelo, permettendo agli investigatori di ricostruire le responsabilità dei suoi complici nell'azione omicidiaria, individuati nei fratelli Gagliardi.

 

Il ruolo dei due complici - Gennaro Pulice sarebbe stato il killer, avvalendosi della preziosa collaborazione di Bruno Gagliardi, che aveva studiato le abitudini della vittima pianificandone l'agguato e del fratello Alfredo, cui toccò il compito di fare da "specchietto" ai correi avvisandoli della presenza della vittima nel locale.

 

Vendicare Giuseppe Cannazzaro ‘eliminando’ i Torcasio - L'omicidio di Vincenzo Torcasio fu l'ennesimo delitto che insanguinò Lamezia Terme e il suo circondario in quegli anni, elemento della strategia di sangue che le cosche Iannazzo e Cannizzaro-Da Ponte stavano conducendo attraverso l'eliminazione dei componenti al vertice dell'avversa compagine dei Torcasio. In particolare la serie di omicidi programmata era finalizzata a vendicare l'uccisione del vecchio capo cosca Cannizzaro Giuseppe cl. , ammazzato a Lamezia Terme nel 1998, della cui morte l'omonima famiglia di mafia riteneva colpevole il clan Torcasio.
Il contesto criminale in cui era maturato l'omicidio costituiva quindi la prosecuzione di un programma criminoso che aveva avuto la sua massima espressione nell'uccisione di Nino Torcasio cl. 75 da parte di Francesco Cannizzaro, risalente al marzo 2002 e nel contestuale tentativo di eliminare l'intera famiglia dei Torcasio posizionando una bomba occultata in un pacco regalo all'interno della propria abitazione.

 

L'ordinanza custodiale è stata notificata al Gagliardi Bruno presso il carcere di Terni mentre il fratello Alfredo è stato rintracciato presso la propria abitazione.

 

I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11.00 odierne presso il Polifunzionale della Polizia di Stato, alla presenza dei Magistrati titolari dell'indagine

COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio