Rinascita-Scott: il verbale del defunto pentito Scriva e l’omicidio del giudice Ferlaino

Nel corso del maxi-processo, la Dda di Catanzaro ha fatto acquisire dal Tribunale di Vibo i verbali del collaboratore che tira in ballo lo scomparso parlamentare Murmura per uno dei delitti eccellenti compiuti in Calabria ed allo stato impunito

51
di G. B.
7 febbraio 2021
21:42
Il pentito Pino Scriva
Il pentito Pino Scriva

È stato acquisito agli atti del processo Rinascita-Scott, in corso dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia, il verbale di interrogatorio reso dal collaboratore di giustizia Pino Scriva (cl. ’46), di Rosarno, deceduto nelle scorse settimane. Si tratta del primo collaboratore di giustizia della ‘ndrangheta calabrese degli anni ’80, riascoltato il 21 giugno 2018 dal pm della Dda di Catanzaro, Antonio De Bernardo, unitamente ai carabinieri del Ros e del Nucleo Investigativo di Vibo Valentia. Il verbale – di cui pubblichiamo in anteprima il contenuto – riserva alcuni passaggi importanti anche in relazione all’omicidio del giudice Francesco Ferlaino, ucciso a Lamezia Terme il 3 luglio 1975. Un omicidio ad oggi impunito. 


Le dichiarazioni di Scriva

Facevo parte della famiglia Scriva che era una famiglia importante della ‘ndrangheta. Mio padre è stato detenuto in carcere per aver ucciso l’autore dell’omicidio di suo fratello Giuseppe, che si chiamava come me. Da quel momento – ricorda Pino Scriva – è iniziato un attrito con la famiglia Cannizzaro, che è sfociato in una faida. Ho rivisto mio padre quando avevo quattro anni. Ricordo che dopo aver subito un agguato, in cui non rimaneva neanche ferito, mio padre ci ha fatto allontanare da Rosarno e ci siamo trasferiti con tutta la famiglia a Ventimiglia. Quando avevo l’età di 18 anni abbiamo fatto rientro a Rosarno per volontà di mio padre e dopo poco l’hanno ucciso”.

L'affiliazione alla 'Ndrangheta

Ho iniziato a far parte della ‘ndrangheta a 18 anni quando mi hanno fatto picciotto e poi camorrista. Mi hanno riconosciuto un terzo di anzianità perché da bambino ero stato fatto giovane d’onore per appartenenza alla mia famiglia. All’epoca a Rosarno c’erano solo gli Scriva che non erano sotto altre famiglie”. Pino Scriva conferma quindi di aver raggiunto la dote di “medaglione” o “associazione”, spiegando che sono la “medesima cosa perché sino al 1982 erano queste le doti più alte della ‘ndrangheta in tutta la Calabria, quindi anche a Cosenza e Vibo Valentia, nella zona del Catanzarese e di Cutro. L’appartenenza a tale associazione serve affinchè tutti i referenti dei vari locali possano riconoscersi fra loro, sapere chi comanda in un determinato posto, portarsi reciprocamente rispetto e scambiarsi favori se necessario, oltre a prendere decisioni condivise sulle questioni di interesse comune, che vanno oltre gli interessi e le competenze del singolo locale”.

Pino Scriva spiega quindi di aver ricevuto la dote della Santa in carcere per conferimento da parte del boss di Rosarno Umberto Bellocco, “con l’organizzazione della ‘ndrangheta che è diventata unitaria a partire dal 1981. “L’associazione” era il vertice della ‘ndrangheta che prendeva decisioni quando si discuteva di questioni che riguardavano tutti gli appartenenti dei paesi o si dovevano fare omicidi importanti come quando è stato commesso l’omicidio del giudice Ferlaino. Le riunioni avvenivano durante la festa di Polsi che consentiva di farle senza essere scoperti, approfittando della confusione creata dall’afflusso di pellegrini. Ricordo che ai tempi si raggiungeva il Santuario a piedi e ognuno di noi, che ormai ci conoscevamo tutti, era armato. A quei tempi lo ‘ndranghestista più importante era Gioacchino Piromalli”.

I Mancuso

Secondo il collaboratore di giustizia Pino Scriva, nella zona di Vibo Valentia ci sono le stesse strutture di ‘ndrangheta del reggino. Io conosco personalmente i Mancuso di Limbadi – ha dichiarato il collaboratore – che mi ospitavano quando andavo da loro mentre ero latitante perché ero ricercato per l’omicidio di Pasquale Apa. Loro comandavano la ‘ndrangheta di quella zona. Conosco Peppe Mancuso e Luigi Mancuso che facevano sicuramente parte della ‘ndrangheta e dell’associazione che ho descritto, anche se non so che dote avessero all’epoca. Ricordo che avevano un ristorante a Nicotera Marina. Nella ‘ndrangheta contava di più Luigi Mancuso, per i suoi rapporti con i Piromalli, per i quali aveva fatto molti omicidi. In quegli anni Peppe Piromalli ha deciso la morte di molte persone. Luigi Mancuso aveva rapporti più stretti specialmente con Peppe Piromalli.

I Mancuso sono stati fortunati perché i Piromalli – non tanto Peppe, quanto Gioacchino – gli hanno consentito di portare il materiale inerte per la costruzione del Porto di Gioia Tauro. In quel periodo sono andato in zona a procacciare per loro l’acquisizione dei terreni da dove estraevano il materiale. Chiaramente imponevo la cessione del terreno ad un prezzo che noi decidevamo, altrimenti l’avrebbero perso lo stesso senza avere una lira”. 

Le accuse al senatore Murmura

È a questo punto del verbale che il collaboratore di giustizia Pino Scriva ricorda che: “Per la vicenda dell’omicidio del giudice Ferlaino ricordo che in un’udienza, dove io avevo chiesto al giudice di rimanere un po’ di tempo con mia moglie, lui ha ordinato alla scorta di portarmi via subito. In quella circostanza gli ho detto che speravo qualcuno lo uccidesse”. Richiamando quindi le dichiarazioni rese in altro verbale del 4 aprile 2002 alla Procura di Messina, il collaboratore anche nell’interrogatorio del 21 giugno 2018 ha confermato che “la decisione di uccidere il magistrato Ferlaino fu presa in una riunione svoltasi nel Bosco di Rosarno-Gioia Tauro alla quale io partecipai non perché fossi stato invitato ma perché in quel periodo mi trovavo latitante in quel luogo. A tale riunione erano presenti Peppe Piromalli, Giuseppe Avignone di Taurianova, Paolo De Stefano, Saverio Mammoliti ed altri che in questo momento non ricordo.

Intervenne anche tale senatore Murmura, che io non conoscevo e che mi fu presentato  da Piromalli in tale occasione. Fu appunto Murmura che ad un certo punto evidenziò che Ferlaino stava rompendo le uova nel paniere; al che Piromalli ribattè che se erano riusciti ad aggiustare ben altre vicende, non vi sarebbero stati problemi per risolvere anche questa vicenda. Non so che tipo di rapporti avessero Giuseppe Piromalli e il senatore Murmura, ma ricordo che me lo ha presentato lui, tanto è vero che mentre ero collaboratore ed ero in aereoporto con la scorta, ho incontrato il senatore Murmura e ci siamo salutati”.

Sin qui le dichiarazioni del collaboratore Pino Scriva che negli anni ’80 aveva accusato il senatore Murmura di essere stato anche presente alla strage di Razzà quando nel corso di un summit l’1 aprile 1977  sono rimasti uccisi in una campagna di Taurianova due carabinieri che avevano scoperto la riunione clandestina fra i clan. Da tali accuse per la strage di Razzà – ritrattate da Pino Scriva – il senatore democristiano Antonino Murmura (deceduto a Vibo nel 2014) è stato prosciolto da ogni addebito.
Approfondisci la notizia su IlVibonese.

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top