«Truffatore a chi?». Lui si difende ma il suo avvocato lo smentisce - VIDEO

Il ventunenne catanzarese accusato da alcuni hotel di lusso di pernottare a sbafo affida ai nostri microfoni la sua versione dei fatti ma viene clamorosamente contraddetto dal suo legale

19
di Enrico De Girolamo
3 maggio 2018
16:01
Rosario Tavano
Rosario Tavano

«Truffatore a chi? Non permetto a nessuno di infangarmi. A nessuno!». Lui è Rosario Tavano, un ventunenne di Cropani Marina, nel catanzarese, accusato da più parti di essere un truffatore seriale. Delle sue imprese si è occupata non solo LaC, ma anche la stampa nazionale, che ha ricostruito i suoi presunti raggiri ai danni di hotel di lusso del nord Italia, dove il giovane avrebbe soggiornato accumulando conti non pagati per decine di migliaia di euro. Una vicenda che sarebbe rimasta nel sottobosco della cronaca se non fosse per lo spumeggiante protagonista, giovanissimo ma con un inarrestabile desiderio di emergere e fermamente convinto che la ragione sia sempre dalla sua parte, nonostante i riscontri, i procedimenti giudiziari avviati nei suoi confronti e le testimonianze raccolte. Come quella di un'attrice e produttrice calabrese che ai nostri microfoni ha lamentato un danno economico di circa 6mila euro per la realizzazione di uno spot pubblicitario su una crema di bellezza, da girare su uno yacht a Montecarlo. Alla fine, secondo quanto ha raccontato a LaC, ha dovuto rimetterci anche 200 euro di tasca propria, soldi che Tavano le avrebbe chiesto sul set perché rimasto a corto di liquidi.

 

 

Amaro in bocca anche per una consulente aziendale con lo studio a Napoli, Giulia Simone, interpellata tempo fa dall’imprenditore per la costituzione di una società e l’avvio di un’attività a Bollate, nel territorio della città metropolitana di Milano. Le parcelle della professionista (circa 7mila euro) e del notaio (1.600 euro) chiamato a redigere l’atto sarebbero ancora in attesa di essere saldate, nonostante i reiterati solleciti caduti sempre nel vuoto. Ora la consulente ha deciso di procedere per vie legali. «All’inizio ho pensato che fosse solo un ragazzino ed era meglio lasciar perdere. Poi, leggendo che anche altri stanno subendo le conseguenze del suo modo di agire, mi sono detta che è giusto denunciare per evitare che continui imperterrito». Ma ciò che proprio non riesce a mandare giù, è che Tavano l’avrebbe raggirata addirittura davanti al notaio «compilando i bonifici online mentre eravamo nello studio notarile, per poi revocarli pochi minuti dopo, appena andato via».

 

Accuse vecchie e nuove che, comunque, il giovane catanzarese rispedisce al mittente con sdegno. E lo fa raggiungendo direttamente la nostra redazione per rilasciare una dichiarazione che nelle sue intenzioni dovrebbe mettere una pietra tombale sulla questione: «Non ho procedimenti penali in corso e non ho mai avuto niente a che fare con la giustizia».
Peccato però che il suo stesso avvocato, Pietro Funaro, raggiunto al telefono, sostenga una versione diametralmente opposta: «A suo carico ci sono due procedimenti per truffa, dinnanzi ai tribunali di Aosta e Verbania. Tutto qui». Come dire, una ragazzata. «Lo state facendo diventare famoso ‘sto ragazzo - conclude Funaro -, se continuate così prima o poi lo vedrete sulle Tv nazionali».
E forse la chiave di lettura più autentica di tutta questa storia è proprio questa: la voglia di esserci, di apparire, a qualunque costo.


Enrico De Girolamo

 

LEGGI ANCHE: 

Lo accusano di essere un truffatore seriale, ma lui si difende: «Falsità» - VIDEO

«Io vittima del truffatore seriale di Catanzaro, vi racconto com'è andata» - VIDEO

Il giovane truffatore calabrese incubo degli hotel di lusso: se la gode e scappa via

 

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio