Uccise il padre, gli trovano una pistola in casa e torna in carcere

Rinvenuta un’arma nell’abitazione di Alessandro Manzi sita a Corigliano Rossano, il 30enne condannato a 9 anni di reclusione per parricidio

52
di Matteo Lauria
19 aprile 2021
07:00
Alessandro Manzi
Alessandro Manzi

Deteneva una pistola in casa, oltre a materiale pirotecnico. Torna dietro le sbarre Alessandro Manzi, l’uomo che uccise il padre Mario, 50enne pregiudicato, nel novembre del 2017 a colpi di fucile e per questo condannato in secondo grado a 9 anni di reclusione. Dal 2019 l’omicida gode della misura alternativa dei domiciliari sulla base di quel che gli organismi preposti qualificano come “buona condotta”, confermata da una serie di iniziative successive tutte protese alla riabilitazione e al reinserimento sociale: dallo studio, s’iscrive all’Università, ad attività di beneficenza.

In queste ore, tuttavia, qualcosa è accaduto. Ai poliziotti del commissariato di pubblica sicurezza di Corigliano-Rossano non spmp sfuggiti i suoi movimenti. E, ieri, hanno effettuato una perquisizione all’interno dell’abitazione di Viale Sant’Angelo, area urbana di Rossano, all’interno della quale è stata rinvenuta l’arma. Manzi è ora rinchiuso presso il carcere di Castrovillari.  


 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top