La sentenza

Trieste, uccise due poliziotti nel 2019: assolto perché incapace di intendere e di volere

La Corte d’assise ha ritenuto Alejandro Augusto Stephan Meram non imputabile per il duplice delitto degli agenti di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego. Sarà ricoverato per 30 anni in una Rems

436
di Redazione
7 maggio 2022
07:30
I due poliziotti uccisi
I due poliziotti uccisi

La Corte d'Assise di Trieste ha assolto Alejandro Augusto Stephan Meran perché il fatto è stato commesso da «una persona non imputabile» riconoscendone quindi il vizio totale di mente ed ha deciso il ricovero del dominicano in una Rems (Residenza esecuzione misure sicurezza) per una durata minima di 30 anni.

Meran era stato accusato di aver ucciso i due agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, durante una sparatoria in Questura a Trieste avvenuta 4 ottobre 2019.


Per la difesa si è trattato di «una assoluzione giusta. È un uomo che va curato». La decisione di oggi della Corte d'Assise di Trieste di assolvere Stephan Meran dall'assassinio di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego riconoscendone la totale infermità mentale «e quindi di sottrarlo ad un giusto processo penale, ci turba profondamente e riapre una ferita in realtà mai chiusa».

Lo afferma in una nota il Sindacato autonomo di polizia che aggiunge: «Nessuno ha mai voluto vendetta, né gli operatori di polizia, né le famiglie delle vittime, né i sopravvissuti a quella vicenda, né i cittadini di Trieste e l'intero Paese. Da parte di tutti, anche dai massimi rappresentanti delle istituzioni, si chiedeva invece semplicemente giustizia».

«Il Sap, presente a tutte le udienze, ha avuto e continua a mantenere un profondo rispetto verso la Magistratura, ma è chiaro - aggiunge la nota - che quanto è stato sentenziato oggi, pone un necessario approfondimento sul sistema Giustizia dà ai suoi cittadini».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top