La memoria, la tradizione e l’arte del ricamo nel Filo di Elena - VIDEO

LaC storie va a San Marco Argentano, nel Cosentino, per incontrare una delle ultime artigiane calabresi capaci di realizzare veri e propri capolavori di stoffa

73
di E. D. G.
20 giugno 2018
14:44

C’è una memoria declinata nel presente, che giorno dopo giorno guida i gesti di chi tramanda tradizioni antichissime che coincidono con l’identità stessa della Calabria. Elena Bruno è una di queste persone, capace con la propria “arte” di ripercorrere quotidianamente la sua esistenza e quella di chi le ha insegnato a ricamare.

 

Oggi che ha superato da un po’ la soglia degli 80 anni, continua a seguire il filo dei suoi pensieri e quello che passa nella cruna del suo ago, realizzando vere e proprie opere d’arte, ognuna delle quali richiede lunghe giornate di lavoro. Tempo che Elena trascorre non soltanto a ricamare tovaglie, centrini e lenzuola, ma soprattutto a ripercorrere con la memoria una vita difficile, segnata dalla guerra e dalla morte del padre quando era ancora una bambina, orientata dalle difficoltà economiche e dalla necessità di lavorare.

 

Ma proprio queste avversità l’hanno spinta ad acquisire sin da piccola l’abilità di creare disegni e arabeschi di filo colorato. A raccontare la sua storia è il videoreporter Saverio Caracciolo, che è andato a trovare Elena nella sua casa di San Marco Argentano, in provincia di Cosenza. Ecco il suo reportage realizzato per LaC storie.


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio