SONDAGGIO SWG SU PRIMARIE: AVANTI CALLIPO (40-44%), INSEGUE OLIVERIO (30-34%), TIENE SPERANZA (24-28%)

Il 5 ottobre il popolo del centrosinistra va alle urne per scegliere il candidato alla presidenza della Regione Calabria. Il Partito Democratico commissiona un sondaggio che sorride al sindaco di Pizzo

23 settembre 2014
00:00

CATANZARO – Tra poco più di una settimana il popolo del centrosinistra andrà alle urne per scegliere il proprio candidato alla presidenza della Regione Calabria. La campagna elettorale è ormai entrata nel vivo e, tra una polemica ed un’altra, è guerra di sondaggi nel Partito Democratico.  Appena qualche giorno fa l’istituto Ipr-Marketing dava Mario Oliverio in vantaggio di oltre dieci punti percentuali su Gianluca Callipo. 48 a 38.  Più staccato, praticamente fuori dai giochi, Gianni Speranza, attestato al 14%.

 


Il sondaggio Swg. A smentire Ipr-Marketing ci ha pensato Swg che, per contro del Partito Democratico, ha realizzato tra il 12 e il 16 settembre un altro sondaggio, dai risultati diametralmente opposti. Secondo il rilevamento dell’istituto triestino il 40-44% degli elettori che dichiarano di andare a votare alle primarie con una probabilità maggiore del 50%, ad oggi voterebbero Callipo; il 30-34% Gerardo Mario Oliverio ed il 24-28% Gianni Speranza.

 

Il candidato più forte. Per gli intervistati i candidato più forte sarebbe Callipo con il 26% (elettori centrosinistra 36, centrodestra 22, M5S 29, indecisi-astenuti 15), a seguire Oliverio 19% (elettori centrosinistra 27, centrodestra 17, M5S 10, indecisi-astenuti 14) e Speranza 12% (elettori centrosinistra 14, centrodestra 18, M5S 12, indecisi-astenuti 5). Per il 24% degli interpellati ha però risposto: “nessuno di questi” mentre il 19% ha detto di non sapere.

 

A scanso d’equivoci. Per evitare possibili fraintendimenti sul cognome di Callipo, gli intervistatori hanno specificato che non si tratta di Pippo Callipo, di cui è stata testata la notorietà che registra un ottimo 69%. Swg ha, quindi, misurato anche le potenzialità complessive di alcune candidature in vista delle elezioni regionali oltre che di quelli di centrosinistra anche di due possibili di centrodestra, Wanda Ferro e Giuseppe Galati. Wanda Ferro è la più conosciuta, con il 56% di risposte, seguita da Oliverio (52), Speranza (50) e Callipo (49).

 

La fiducia. Gli intervistati che conoscono i candidati hanno espresso molta o abbastanza fiducia per Callipo nella misura del 49%, Speranza 42, Ferro 38, Oliverio 30 e Galati 15. Rispetto alla percentuale di quanti hanno molta o abbastanza fiducia, per Callipo hanno dato questo giudizio il 64% degli elettori di centrosinistra, il 46 di centrodestra, il 23 del M5S ed il 43 di indecisi-astenuti; per Speranza il 51% degli elettori di centrosinistra, il 50 di centrodestra, il 38 del M5S ed il 24 di indecisi-astenuti; per la Ferro il 31% degli elettori di centrosinistra, il 78 di centrodestra, il 30 del M5S ed il 29 di indecisi-astenuti; per Oliverio il 39% degli elettori di centrosinistra, il 12 di centrodestra, il 14 del M5S ed il 20 di indecisi-astenuti; per Galati il 9% degli elettori di centrosinistra, il 37 di centrodestra, il 7 del M5S ed il 15 di indecisi-astenuti.

 

Il metodo del sondaggio. L'indagine quantitativa - rende noto la Swg - è stata condotta mediante una rilevazione con tecnica mista, ovvero interviste telefoniche con metodo CATI e interviste online con metodo CAWI, all'interno di un campione di 1.200 soggetti maggiorenni residenti in Calabria, stratificato per zona (provincia e ampiezza centro), età e sesso. In fase di rilevazione è stato effettuato un sovracampionamento degli elettori propensi a votare alle elezioni Primarie del centrosinistra fino a raggiungere la numerosità di 500 unità.

Le interviste sono state somministrate nel periodo che va dal 12 al 16 settembre 2014. I metodi utilizzati per l'individuazione delle unità finali sono di tipo casuale, come per i campioni probabilistici. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall'ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di zona, sesso, età, livello scolare e partito votato alle ultime elezioni. Il margine d'errore statistico per il campione totale è del 2,8% a un intervallo di confidenza del 95%, nonché del 4,3% per il subcampione degli elettori delle Primarie.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top