Bianco, fucili e pistole nascosti in un muro: due arresti

I poliziotti hanno rinvenuto l’arsenale in una nicchia nascosta grazie a un metal detector. In totale sono 16 le armi sequestrate

11
di Redazione
22 febbraio 2020
11:31
L’arsenale rinvenuto
L’arsenale rinvenuto

Nel corso di un servizio straordinario svolto nel comune di Bianco, il personale del commissariato di polizia di Bovalino e della squadra mobile della questura di Reggio Calabria, con il supporto del Reparto prevenzione crimine Calabria di Siderno e del Gabinetto regionale di polizia scientifica di Reggio Calabria, ha effettuato numerose perquisizioni nella frazione Pardesca e, nell’ambito di tale servizio, all’interno di un casolare, sono state rinvenute numerose e potenti armi clandestine lunghe e corte, e munizioni di vario calibro.

 

In particolare, durante le operazioni di ricerca, svolte anche con l’ausilio di un sofisticato metal detector, si è reso necessario procedere all’abbattimento di una porzione di muro perimetrale dell’immobile, rivelando così una nicchia costruita ad arte, ove sono state trovate 16 armi da fuoco (8 fucili e 8 pistole), quasi tutte con matricola abrasa, diverse munizioni, un caricatore ed una canna di pistola.

 

L’immediata ed articolata attività di indagine ha permesso di individuare gli effettivi detentori delle armi: P.R., 63 anni, e F. G., 32 anni, entrambi incensurati, sono stati tratti in arresto e condotti presso la Casa Circondariale di Locri, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dinanzi alla quale dovranno rispondere dei reati di detenzione illegale di armi clandestine e munizioni, nonché di ricettazione.

 

Le armi e le munizioni recuperate sono state repertate dal personale della Polizia Scientifica, poste sotto sequestro e messe a disposizione della procedente Autorità Giudiziaria.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio