Corigliano-Rossano, dagli agricoltori nuova unità di rianimazione

La cooperativa Agricor promuove una donazione concordata direttamente con il responsabile del reparto di rianimazione dell'ospedale Nicola Giannettasio. Il presidente Gallo: «Aiuto concreto»

di Redazione
20 marzo 2020
22:06
252

La rete della organizzazione produttori Agricor di Corigliano-Rossano ha donato una nuova postazione di rianimazione per l’unità operativa della Terapia Intensiva dell’ospedale Nicola Giannettasio. Lo ha deciso il CdA della cooperativa, riunitosi nei giorni scorsi in video conferenza. «Vogliamo essere solidali con chi sta soffrendo – ha dichiarato il presidente Natalino Gallo lanciando una campagna di sensibilizzazione sulla pandemia da Coronavirus - e per questo ci proponiamo come capofila di una iniziativa che deve avere la finalità di sconfiggere questa emergenza sanitaria prima possibile».


Gli strumenti acquistati

L’acquisto degli strumenti che compongono la postazione, un ventilatore top di gamma, un monitor multi-parametrico ed un letto per terapia intensiva terapeutico, è stato concordato con il responsabile del reparto Giuseppe Angelo Vulcano. La nuova postazione di rianimazione è acquistata direttamente dalla Cooperativa, che conta 80 soci, e presto sarà consegnata al reparto.

 

Un aiuto concreto

L’oiettivo – sottolineano i produttori Agricor – è quello di contribuire, soprattutto in questa fase emergenziale, a ridurre le carenze purtroppo strutturali dei presidi ospedalieri locali e sostenere in concreto gli sforzi preziosi che tutto il personale medico e sanitario sta dimostrando e mettendo in campo, nonostante la drammatica fotografia della sanità territoriale e regionale, per fronteggiare la diffusione del contagio da Coronavirus e garantire assistenza alle popolazioni.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio