Coronavirus, un medico calabrese guida il team per salvare il paziente 1

Raffaele Bruno, originario di Cosenza, è il dottore che al San Matteo di Pavia sta curando il 38enne di Castiglione d’Adda, primo contagiato dal Covid-19, le cui condizioni sono al momento critiche ma stabilizzate

di Redazione
1 marzo 2020
16:03

Si chiama Raffaele Bruno, 53 anni di Cosenza, il medico che guida il reparto di malattie infettive del policlinico San Matteo di Pavia nel quale è in cura il «paziente uno», il 38enne di Castiglione d’Adda, primo contagiato dal coronavirus, le cui condizioni sono al momento critiche ma stabilizzate.

 


LEGGI: Coronavirus, in Italia superati i 1200 contagi. Prociv: «I morti? Da confermare»

 

Raffaele Bruno, insieme alla task force lombarda, lotta dal 21 febbraio giorno e notte insieme ad oltre trenta medici, infermieri e medici per fronteggiare l’emergenza da Covid-19 che sta dilagando in Italia.

 

«So di non fare un’affermazione scientifica, ma la verità è che per sconfiggere un nemico nuovo e sconosciuto abbiamo bisogno anche di una somma insondabile di coincidenze positive. Detto in due parole, augurate a noi medici e agli scienziati buona fortuna», ha dichiarato Bruno in un’intervista rilasciata a la Repubblica.

Mattia, il paziente 1 in gravi condizioni

Mattia è Il «contagiato italiano che non deve morire», spiega Bruno che sta facendo di tutto per salvare la vita al paziente lombardo. Il 38enne, dirigente dell’Unilever di Casalpusterlengo, è giovane, sano e sportivo, ed è  a sorpresa anche il paziente più grave colpito solo «dal coronavirus». Fino ad oggi le vittime nel nostro Paese erano tutte anziane, già fragili, e con patologie pregresse. La sua salvezza, oltre ad essere una priorità per l’equipe medica, porterebbe una ventata di ottimismo squarciando la coltre di panico e allarmismo creatasi in quest’ultimo periodo.

 

Mattia in queste ore si trova in una saletta isolata delle terapie intensive e «rimane sedato, incosciente e intubato perché non autonomo nella respirazione», spiega il dottor Bruno. Sua moglie Valentina, pure infetta e ricoverata all’ospedale Sacco di Milano, tra un mese partorirà il loro primo figlio. I medici stanno curando anche i suoi genitori.

 

«Ma il problema -  dice Bruno - è che resta impossibile prevedere il decorso dell’infezione. Altri sono già guariti. Lui invece è stabile dal primo istante. L’imprevedibilità purtroppo è il marchio dei virus sconosciuti». «Testiamo un cocktail - dice Bruno - di farmaci usati per l’Hiv, per l’epatite C e per l’ebola. Nella miscela c’è la ribavirina. Esperimenti in vitro dimostrano che questo mix inibisce la crescita del virus. In Cina e in Corea del Sud è stato testato con successo anche sui pazienti».

 

LEGGI: Coronavirus Calabria, l’Istituto superiore della sanità conferma: positivo il paziente di Cetraro

Bruno: «Lotteremo contro il virus fino a quando sarà necessario»

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ringraziato in privato il dottor Alfredo Bruno e il suo team per il costante impegno al San Matteo. «Ma noi — dice Bruno tornando al “paziente uno” — restiamo qui perché ogni giorno il nostro dovere è curare più persone possibile nel modo migliore possibile. È un impegno eccezionale e non sappiamo quanto durerà questa epidemia. La gente deve sapere però che il nostro sforzo durerà fino a quando sarà necessario».

 

Come tutti i medici in prima linea la preoccupazione è costante: «Vedere spegnersi Mattia - dice Bruno - sarebbe un incubo. Ma cedere al protagonismo e dimenticare di remare tutti in silenzio e nella stessa direzione, sarebbe peggio. La sconfitta risulterebbe collettiva e irreparabile: lo spettro della pandemia dilagherebbe nel disastro del pandemonio».

 

LEGGI: 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio