Tutela dell’ambiente

Crotone, entrano in funzione le fototrappole contro l’abbandono dei rifiuti: scatta la prima sanzione

Multa di 600 euro a un uomo ripreso mentre lasciava ingombranti nei pressi della villa comunale. Avviate anche le attività del Nucleo operativo ambientale della polizia locale

43
di Redazione
9 novembre 2021
07:32

Entrano in funzione le fototrappole contro l’abbandono indiscriminato di rifiuti a Crotone e scatta la prima sanzione. A darne notizia è il Comune in una nota stampa in cui spiega che il trasgressore è un crotonese di 67 anni immortalato dal sistema mentre, nei pressi della villa comunale, si liberava di una quantità consistente di rifiuti, anche ingombranti.

Per l'uomo è scattato un verbale di 600 euro se pagato in misura ridotta, che potrebbe arrivare fino a 3mila euro qualora il pagamento non avvenisse nei termini previsti e in quel caso scatterebbe l’ordinanza di ingiunzione a carico del trasgressore. Al 67enne è stata intimata anche l'immediata rimozione con avvio a norma di legge dello smaltimento di tutti i materiali, cosa che ha già provveduto a fare.


Nella nota, l’ente comunale annuncia, poi, il contestuale avvio delle attività del Nucleo operativo ambientale, costituito all’interno del corpo di Polizia locale «come unità specializzata nelle violazioni attinenti l'abbandono di rifiuti ed il rispetto del d.lgs. 152/2006 oltre che delle normative regolamentari dell'ente comunale in materia di rifiuti».

Il Nucleo si avvale di strumenti di controllo del territorio di vario tipo, tra cui le fototrappole, appunto, alcune delle quali già installate e altre in arrivo dotate anche di tecnologia per la visione notturna.

«Il sistema di controllo e sanzionamento naturalmente – si legge nella nota - è stato adeguato dal punto di vista normativo, in linea con le prescrizioni del Gdpr (il regolamento europeo sul trattamento dei dati sensibili). Il personale, adeguatamente formato sia dal punto di vista giuridico che informatico, è naturalmente autorizzato a visionare e trattare i dati sensibili per le finalità di istituto».

Il Comune sottolinea che «da questo momento il Nucleo operativo ambientale procederà in egual modo ed indiscriminatamente su tutto il territorio comunale, ragion per cui si invita la cittadinanza ad essere rispettosa delle regole sullo smaltimento dei rifiuti e si ricorda che in caso di rifiuti pericolosi le sanzioni sono anche più gravi».

Intanto, da venerdì scorso, l’ente ha avviato anche il percorso di attività formativa, fortemente voluta dal vicesindaco Rossella Parise e curato da Luigi Boito, con appositi moduli pratici e teorici, per i nuovi assunti nel corpo di Polizia locale.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top