La Calabriavisione

Gratteri all’evento di LaC: «Mai voluto candidarmi al Csm, l’ho fatto credere per spaventare i potenti»

VIDEO | Il procuratore di Catanzaro a tutto campo durante la serata finale di Link, Tropea Communication Meeting. Sul ministro Cartabia: «Non rispetta i magistrati». Carceri: «Le case dell’amore non sono la priorità». Sulla mancata nomina alla Dna: «Mi hanno ballato sulla pancia per un anno»

545
di Marcella Mastrobuono
24 luglio 2022
13:34

«Le carceri italiane sono piene di pazzi che nessuno cura, sono piene di tossicodipendenti che non si cerca di far disintossicare. Perché non ci sono i soldi. Perché non si sa dove metterli. Poi il Governo ha stanziato 28 milioni di euro per costruire una Casa dell’Amore in ogni carcere. Ogni mese i detenuti di massima sicurezza, cioè che non possono avere permessi, possono incontrarsi per 24 ore con i partner. 28 milioni di euro per le Case dell’Amore. Queste cose non possono passare come acqua fresca».

Inizia così l’intervento del Procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri all’Anfiteatro del Porto a Tropea. Ospite di Link, Tropea Communication Meeting, Gratteri è, come al solito, un fiume in piena. È Gratteri. Ironico e scorretto. E ne ha, come al solito per tutti.


Ha parlato con Paola Bottero, direttore strategico del Gruppo Pubbliemme|Diemmecom, LaC Network e ViaCondotti21, di Giustizia, della Riforma Cartabia che definisce ironicamente “una perla”.

«Il Ministro non ha nessun rispetto per i magistrati», dice Gratteri. «Sulla Giustizia negli ultimi anni sono stati fatti dei macelli. Leggete il papello di Riina. Leggete il programma politico di Licio Gelli e della P2. Poi guardate le ultime riforme della Giustizia. Vi renderete conto che sono piene di riferimenti a quei personaggi. E questo succede nella totale indifferenza dell’opinione pubblica».

E parla, il Procuratore, naturalmente, di mafie. Lo fa insieme ad Antonio Nicaso, suo grande amico e uno dei maggiori esperti di ‘ndrangheta al mondo. Quelle mafie che Nicaso ha definito animale giurassico che non riesce ad estinguersi. E gli fa eco, Gratteri citando quello che è da sempre, per lui, il più grande alleato delle mafie: lo Stato. «Se non avessero la, legittimazione dello Stato le mafie si sarebbero già estinte» dice e rilancia «Sento la puzza di complicità anche sulle stragi di Capaci e Via D’Amelio. Perché non vengono declassificati i dossier? Perché non si tolgono i sigilli? Io lo voglio sapere da quale apparato dello Stato è arrivato l’ordine di far sparire l’agenda rossa di Borsellino».

I giornali e la Rai sono uno dei bersagli dell’invettiva di Gratteri, colpevoli di inseguire le reti private, di assecondare la pancia del Paese. Sono lo specchio di un’Italia che negli ultimi 30 anni ha visto sprofondare il suo livello culturale. «I giornali non parlano di mafie da decenni, alla gente non interessa» dice.

Ma i sassolini più grandi Gratteri se li toglie su un argomento in particolare: la sua mancata elezione alla Procura Nazionale Antimafia e la sua Candidatura al CSM.

«Io non avevo nessuna intenzione di candidarmi al Consiglio Superiore della Magistratura» dice Gratteri «Io non sono un uomo di mediazione. Sono abituato a non uscire da una riunione senza aver preso una decisione, non posso andare in un organismo dove la mediazione è il pane quotidiano». Inizia piano, Nicola Gratteri, sembra quasi diplomatico, ma la stoccata arriva subito: «Mediazione non significa scegliere la soluzione migliore, al CSM è sempre una scelta al ribasso. E io non potrei stare per anni lì a guardare accordi e scambi. La riforma del CSM ha peggiorato, se possibile, la situazione. Non ho mai pensato di andare al CSM» dice «Mi piaceva farlo pensare, mi piaceva vedere i potenti avere paura, mi hanno ballato per un anno sulla pancia per la Procura Nazionale Antimafia. Ho detto “ora per un paio di mesi mi diverto io”».

E si diverte davvero, Gratteri, a scagliare frecciate e a dire quello che nessuno osa dire su un palco. «Io sono un problema per il potere, non sanno dove collocarmi. Dico cose che gli altri hanno paura di dire, hanno paura di dispiacere i potenti, di non prendere i voti. Io sono un uomo libero. Non mi interessa niente, la cosa più bella è la libertà».

E chiude, ridendo della sua stessa vita blindata, degli attacchi che subisce dai detrattori ogni giorno, della ‘ndrangheta che da più di trent’anni lo minaccia di morte. «Mi stanno facendo diventare Mandela» ride di gusto. E la platea, come al solito, ride con lui. E applaude.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top