Ordigno bellico ritrovato nel Vibonese, espletato il disinnesco

E’ stato fatto brillare alle 12 dagli artificieri della Seconda Compagnia Genio Guastatori di Castrovillari. Era stata disposta la chiusura della ex Statale 110 e di alcune aziende situate nella zona

di Redazione
19 febbraio 2017
14:06
Le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico
Le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico

È stato fatto brillare questa mattina alle 12 in punto l’ordigno bellico risalente al Secondo conflitto mondiale rinvenuto nell’area dell’Angitola, a Maierato, in un terreno agricolo e riportato alla luce da uno smottamento. Le operazioni di detonazione della bomba di fabbricazione inglese sono state condotte dagli artificieri della 2/a Compagnia Genio Guastatori di Castrovillari.

 

Ordigno bellico inesploso nel Vibonese, sarà fatto brillare domenica

 

La bomba inglese, del peso di oltre 220 kg, con 65 kg di tritolo, è stata identificata dagli artificieri dei Carabinieri di Catanzaro in stretto contatto con quelli dell'Esercito. Gli specialisti della Caserma Manes di Castrovillari hanno poi provveduto a verificare e mettere in sicurezza l'ordigno.

 

Vista la portata della bomba, dopo una riunione di coordinamento con la Prefettura di Vibo Valentia, erano state disposte ulteriori misure di sicurezza ed uno sgombero entro un raggio di 500 metri che ha determinato la chiusura della ex Statale 110 e di alcune aziende situate nella zona, tra le quali la Giacinto Callipo Conserve Alimentari.

 

La stabilità dell'ordigno era resa precaria dall'innesco a lungo ritardo chimico, con un dispositivo antirimozione, che avrebbe potuto attivarsi con l'urto dello smottamento e dare quindi seguito ad un'esplosione automatica entro 144 ore. Passate le 144 ore, la bomba è stata fatta brillare in tutta sicurezza.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio