Olio, trattori in strada a Lamezia contro l’abbattimento dei prezzi

VIDEO | La città della piana invasa da mezzi agricoli, imprenditori ed agricoltori per la manifestazione di Agrinsieme contro le scelte di mercato che non garantiscono la sopravvivenza dei produttori

290
di Tiziana Bagnato
4 dicembre 2019
13:59

Sono stati oltre duecento i trattori che hanno attraversato Lamezia incuranti delle basse temperature per raggiungere la manifestazione di Agrinsieme Calabria. Circa trecento gli agricoltori e gli imprenditori che hanno prima sfilato e poi manifestato per chiedere interventi celeri a favore dell’olivocoltura calabrese.

 


Un ramo importante e nevralgico per il Paese: la Calabria è la seconda regione per produzione di olio d’oliva, ma i produttori rischiano di rimanere schiacciati sotto il peso del mercato e delle importazioni dall’estero. Una bottiglia di olio importato può costare fino ad un terzo di una di olio italiano e così il famoso oro giallo spesso rimane invenduto e mette al tappetto gli imprenditori. Duecento mila gli occupati nel comparto che rischiano di dovere andare a casa.

 

Confragricoltura, Copagri, Cia e Agici hanno chiesto interventi urgenti al governo, che venga rafforzato il tavolo ministeriale e che entro il 31 dicembre venga dato un acconto sulle spettanze del Pac. «Al netto dei costi non possiamo vendere a meno di sette euro a bottiglia – ha spiegato dal palco allestito a Piazza Italia Gennaro Raso dell’Agci Lamezia - Non vogliamo lo scontro ma non sappiamo se potremo comprare il panettone».

 

«Abbiamo una dignità da difendere - ha aggiunto Alberto Statti, presidente Confagricoltura Calabria – abbiamo la responsabilità di tante famiglie alle quali garantiamo lavoro». Importante per i produttori lavorare anche sulla cultura del consumatore per fare in modo che non si compri ciò che costa meno senza porsi domande, senza informarsi su come viene prodotto e sul perché l’olio italiano abbia dei costi di vendita al dettaglio maggiori.

 

Il rischio per Nicodemo Podella, presidente Cia Calabria, è che se il governo non interverrà a breve e in modo incisivo le aziende agricole vengano abbandonate. Il settore olivicolo rappresenta oltre un quarto del valore totale dell’intera produzione agricola e nel complesso l’agricoltura vale il 6 per cento circa dell’intero valore aggiunto prodotto in Calabria garantendo il 15 per cento dell’occupazione della regione.

 

Eppure l’olivicoltura calabrese sconta un ritardo in innovazione e mostra costi di produzione molto alti, in un contesto dove il volume prodotto decresce a due cifre anno dopo anno. Il costo di produzione elevato è stato più volte indicato come uno dei principali anelli deboli della performance competitiva regionale e nazionale.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio