San Ferdinando, Spirlì: «Per i migranti pasti caldi e una cucina da campo»

L’assessore fa presente: «Le derrate alimentari saranno fornite dalla Regione Calabria in collaborazione con la Caritas»

di Redazione
30 marzo 2020
19:52

Il vicepresidente della Giunta regionale calabrese, Nino Spirlì annuncia in una nota stampa: «Da domani gli occupanti della tendopoli di San Ferdinando potranno fare affidamento su una cucina da campo e dei pasti caldi. In questi giorni di emergenza non ci siamo fermati e abbiamo lavorato per dare risposte al territorio. Un risultato ottenuto con l'impegno rapidissimo della Protezione Civile regionale che, con una cucina da campo subito allestita, si occuperà di preparare i pasti per tutti i migranti della tendopoli e non solo. Grazie ad un servizio “navetta”, la Protezione Civile ed i suoi volontari, consegneranno i pasti caldi anche ai migranti che vivono nei casolari di campagna dei comuni limitrofi».

 

«Le derrate alimentari - aggiunge - saranno fornite dalla Regione Calabria in collaborazione con la Caritas Diocesana. Un'operazione necessaria, nella prevenzione di eventuali atti di disperazione che potrebbero riflettersi sulla tendopoli e i paesi vicini. Un pensiero particolare va a tutti i volontari in prima linea. Un grazie alla Prociv della Calabria, nella persona dell'ing. Domenico Pallaria e del suo capostruttura ing. Antonio Nistico’, per la rapidità e l’umanità dimostrata nella risoluzione del grave problema. Le polemiche non ci interessano. Pensiamo ai fatti. Il nostro obiettivo è garantire la sicurezza di tutti in un momento difficile come questo che stiamo attraversando».

 

LEGGI ANCHECoronavirus, Spirlì ai migranti della tendopoli: «Non uscite o chiamiamo l'esercito»

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio