Sanità privata, la Cisl: «Ai lavoratori gli stessi diritti del pubblico»

Il segretario generale Russo: «Assurda la mancata firma del contratto da parte di Aiop e Aris, a settembre sciopero nazionale»

274
di Redazione
24 agosto 2020
12:15
Tonino Russo
Tonino Russo

«È una battaglia sacrosanta quella che si sta conducendo sul contratto dei lavoratori della Sanità privata». Lo afferma Tonino Russo, segretario generale della Cisl Calabria.

 

«È assurdo – prosegue Russo – che, a causa dell'ostinato rifiuto di firmare da parte delle associazioni dei privati Aiop e Aris – prosegue Russo – si debba manifestare per il rinnovo di un Ccnl scaduto da 14 anni, per il quale è stata già siglata, il 10 giugno scorso, una pre-intesa. È tempo che al personale delle strutture sanitarie private, le quali, ricordiamo, operano in regime di convenzione e con fondi pubblici, siano riconosciuti gli stessi diritti, lo stesso trattamento giuridico ed economico del personale impegnato nelle strutture pubbliche. È tempo, dopo l'enorme sforzo sostenuto dai lavoratori della sanità nella fase dell'emergenza Covid-19, un'emergenza che si è scaricata, come purtroppo sappiamo bene, anche sulle strutture private, di garantire all'interno di queste realtà gli stessi diritti esistenti in quelle pubbliche».

 

Per il segretario generale della Cisl calabrese «è tempo di riconsiderare gli accreditamenti laddove non siano rispettate le norme contrattuali, laddove non sia garantita l'agibilità delle rappresentanze organizzate dei lavoratori, laddove non sia chiaro quali tipologie contrattuali siano applicate. La battaglia per il rinnovo del Ccnl della Sanità privata, che stiamo conducendo insieme a Cgil e Uil, non si fermerà: in Calabria, il 31 agosto si terranno assemblee e presìdi in tutte le strutture private Aio e Aris della regione e si avrà a settembre una giornata di sciopero nazionale. È tempo, per quanto riguarda la Calabria, di recuperare il deficit qualitativo della sanità con una complessiva ristrutturazione del sistema, riqualificando il pubblico e pretendendo dal privato il pieno rispetto delle convenzioni, per garantire pienezza di diritti ai lavoratori e garanzia nella qualità delle prestazioni per i cittadini».

 

«Tutte le iniziative serie ed efficienti finalizzate alla tutela della salute delle persone – conclude Russo – sono importanti per la comunità, nel quadro di un sistema sanitario integrato: un quadro che deve necessariamente vedere eguaglianza di trattamento per tutti i lavoratori».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio