Scoppia la protesta degli ambulanti a Corigliano Rossano: «Solo briciole dal Governo»

Una cinquantina i mezzi presenti, provenienti dalla fascia jonica, dall’hinterland e da alcuni centri del Pollino: «Lo Stato chiude i mercati e non ci dà aiuti adeguati»

di Matteo Lauria
6 aprile 2021
18:06

Ristori adeguati e mercati riaperti, sono queste le richieste degli ambulanti in sit-in di protesta Corigliano Rossano. «La pandemia ci ha messi con le spalle al muro, lo Stato chiude i mercati e non ci dà aiuti adeguati». Esplode la disperazione degli ambulanti, che nella giornata di oggi hanno organizzato manifestazioni di protesta in tutta Italia. Nella città di Corigliano Rossano il sit-in è stato promosso dall’associazione Ana Ugl dinanzi lo stadio Stefano Rizzo dell’area urbana di Rossano. Una cinquantina i mezzi presenti, provenienti dalla fascia jonica, dall’hinterland e da alcuni centri del Pollino. Chiedono la riapertura dei mercati e sostegni idonei a poter mantenere le proprie famiglie.

«Il mercato, per noi, è l’unica fonte di guadagno – afferma Antonio Ferraro, presidente Ana Ugl della fascia jonica cosentina – continuiamo ad ascoltare le promesse del Governo, ma di aiuti ci arrivano solo le briciole che non ci consentono di far fronte a tutte le spese».


Alcuni ambulanti, tra l’altro, non rientrano tra i beneficiari dei ristori che, allo stato attuale, coprono circa il 5% della calcolata perdita annuale: «Diteci voi – prosegue Ferraro - cosa riusciamo a fare con 2mila euro su una perdita di 40mila». L’ambulantato, che su scala nazionale rappresenta il 2% del Pil, come rileva Ferraro, nella Sibaritide comprende circa 500 soggetti, la maggior parte dei quali mono reddito, che deve far fronte ad un calo dei guadagni di circa l’80/90% rispetto agli anni precedenti. «Abbiamo ereditato questo mestiere dai nostri genitori – va avanti Antonio Ferraro – e lo portiamo avanti per sopravvivere. Dall’inizio della pandemia lavoriamo a singhiozzo e ci sono colleghi, soprattutto quelli solitamente impegnati in fiere e sagre, che sono fermi da un anno».

Da qui l’appello alle istituzioni locali e al Governo: «Chiediamo ristori adeguati per sostenere le nostre famiglie e – conclude il presidente Ana Ugl della fascia jonica cosentina - chiediamo anche che i mercati vengano riaperti. Noi indossiamo sempre le mascherine e usiamo regolarmente i gel igienizzanti. La nostra, inoltre, è un’attività all’aria aperta che ci consente di rispettare appieno tutte le norme anti-covid, a cominciare dal distanziamento».

LEGGI ANCHE: 
Anche in Calabria la protesta degli imprenditori, da Catanzaro a Reggio tutti contro le chiusure

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top