Attentato tra la folla

È morto l’ex premier giapponese Abe, arrestato il presunto killer: «Ho sparato per uccidere»

Stava partecipando a un evento politico. Le sue condizioni sono apparse sin da subito gravi. L'uomo arrestato è un ex militare: «Ero insoddisfatto della sua politica»

96
di Redazione
8 luglio 2022
11:40
Shinzo Abe prime del comizio
Shinzo Abe prime del comizio

L'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe è morto dopo essere stato colpito da colpi di arma da fuoco durante un evento elettorale a Nara. Aveva 67 anni. «Abbiamo tentato di rianimarlo per quattro ore», ha riferito il responsabile del pronto soccorso dell'ospedale dove era stato trasportato Abe.

«Due ferite hanno provocato due diverse emorragie, abbiamo cercato di bloccarle, ma la situazione era molto critica», ha spiegato alla tv nazionale. L'ex premier giapponese era in stato di arresto cardiopolmonare già sulla scena del crimine, ha detto in conferenza stampa il responsabile dell'ospedale di Nara, riporta la Bbc. Il medico ha affermato che non sono stati rilevati segni vitali all'arrivo dell'ex primo ministro nella struttura. Lo spararore, secondo quanto appreso dai media giapponesi, ha sparato un un fucile costruito in casa (Foto a destra). 


Shinzo Abe ha riportato due ferite sulla parte anteriore del collo, uno dei proiettili è penetrato nel cuore, ha aggiunto in conferenza Hidetada Fukushima, professore di medicina d'urgenza. Abe è stato curato da un'équipe di oltre 20 medici ma è stato impossibile fermare l'emorragia.

Il primo ministro Fumio Kishida, rientrato d'urgenza alla Kantei con tutto il governo dopo aver sospeso con tutti i partiti di opposizione la campagna elettorale per il rinnovo della Camera Alta in programma domenica 10 luglio, ha condannato «nel modo più deciso possibile» l'attentato, definito come «inaccettabile». Si è detto «senza parole» per la morte di Shinzo Abe.

Il ministro della Difesa del governo giapponese, Nobuo Kishi, ha parlato di un atto imperdonabile, ha riportato la Bbc. Funzionari giapponesi hanno spiegato che Abe è stato colpito al collo e al petto subendo una significativa emorragia interna.

Arrestato il killer

La polizia nipponica ha arrestato il 41enne Tetsuya Yamagami (Foto in basso). L'uomo, un residente locale, era riuscito a eludere la sicurezza e ad avvicinarsi ad Abe. Ancora poco chiare le ragioni del gesto. L'uomo arrestato è un ex militare delle Forze di autodifesa, cha ha servito per circa tre anni nella Marina, e deciso a uccidere Abe perché «insoddisfatto per l'operato dell'ex capo politico». Lo riporta l'emittente pubblica Nhk, riferendo che il 41/enne è stato bloccato dalle forze dell'ordine subito dopo aver esploso i primi due colpi. L'arma utilizzata dall'uomo, riferiscono i media nipponici, sembra a tutti gli effetti essere di produzione artigianale.

La polizia giapponese ha fatto irruzione nell'abitazione del sospettato, secondo le riprese della televisione pubblica Nhk. Il filmato mostra diversi agenti di polizia che indossano indumenti protettivi, caschi e scudi e che entrano in un edificio identificato dalla Tv come la casa dell'uomo arrestato dopo l'attacco.

«Ero insoddisfatto di Shinzo Abe, ho mirato per ucciderlo». Queste le parole del 41enne, secondo quanto ha riferito la polizia nipponica citata dalla tv Nhk. L'attentato all'ex premier giapponese non è stato per «rancore contro le convinzioni politiche di Shinzo Abe», ha detto il 41enne arrestato parlando del suo gesto: lo ha riferito la polizia della prefettura di Nara dopo l'arresto, citata da Kyodo News. Yamagami, residente a Nara, secondo fonti governative era in precedenza un membro della Forza di autodifesa marittima.

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top