Detti e contraddetti

Sanità Calabria: «Iole Fantozzi? Incompetente» (Nesci 2019), «Iole Fantozzi? Grandi capacità» (Nesci 2021)

La deputata 5 stelle due anni fa diffidava il premier Conte affinché non nominasse la dirigente commissario dell’Azienda ospedaliera di Reggio. Oggi, da sottosegretario per il Sud del governo Draghi, ha cambiato idea

260
di Enrico De Girolamo
27 novembre 2021
14:54
Dalila Nesci (foto Facebook)
Dalila Nesci (foto Facebook)

«È di evidenza palmare che Iole Fantozzi non ha alcuna comprovata competenza ed esperienza in materia di organizzazione sanitaria o di gestione aziendale» (deputata Dalila Nesci, 2019).
«La nomina di Iole Fantozzi al vertice del Dipartimento Salute della Regione Calabria è un’ottima notizia per i cittadini. Ho avuto modo di collaborare con lei per diversi anni e apprezzarne le capacità manageriali» (sottosegretario Dalila Nesci, 2021).

Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione, diceva lo scrittore James Russell Lowell. Ma quando il cambio di rotta è così drastico, esplicito e sfrontato, le contrastanti opinioni vacillano entrambe.


Dalila Nesci, parlamentare 5stelle convintamente filogovernista (cosa tutt’altro che assiomatica anche per chi siede a Palazzo Chigi, se si considera, ad esempio, la posizione di lotta e di governo della Lega), nel 2019, quando occupava solo il suo scranno alla Camera, criticò aspramente la nomina di Iole Fantozzi a commissario dell’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria. Fino, addirittura, a siglare – insieme all'allora collega di partito Francesco Sapia - una diffida formale al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai ministri della Salute e dell’Economia, affinché non procedessero «all’approvazione dei nominativi individuati (da Cotticelli, ndr) quali commissari dell’Asp di Cosenza e dell’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria», trattandosi di «due soggetti, Daniela Saitta e Iole Fantozzi, non in possesso dei requisiti di legge».

Dicendosi anche pronti a «denunciare il caso alle competenti Procure della Repubblica», Nesci e Sapia sentenziavano: «È di evidenza palmare che dal curriculum del soggetto individuato quale commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera di Reggio Calabria e dal curriculum di quello individuato per il vertice dell’Asp di Cosenza non si rileva il possesso di alcuna comprovata competenza ed esperienza in materia di organizzazione sanitaria o di gestione aziendale».

Oggi, nelle vesti di sottosegretario di Stato per il Sud e la Coesione territoriale nel governo Draghi, Nesci usa toni diametralmente opposti riferendosi però sempre allo stesso “soggetto”: «Con la sua grande professionalità e determinazione – scrive sulla sua pagina Facebook - può avviarsi un percorso di rilancio del Dipartimento che, da sempre, è un punto debole benché cruciale dell’assistenza sanitaria e territoriale della regione».
Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai opinione. Ma un briciolo di coerenza in più non farebbe male.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top