Multiutility acqua e rifiuti

Tavernise (M5s): «Migliorata con nostri emendamenti. Voto favorevole di Afflitto è scelta personale»

Il capogruppo pentastellato in Consiglio regionale: «Sin dall'inizio della discussione il gruppo consiliare ha condannato il metodo seguito dalla maggioranza, che nei fatti ha messo nell’angolo i sindaci, non ascoltandoli per come, tra l’altro, avevano richiesto»

36
di Redazione
20 aprile 2022
09:49
Davide Tavernise
Davide Tavernise

«La legge approvata dal consiglio regionale calabrese nella seduta del 19 aprile, e che vedrà l’istituzione di una autorità chiamata a disciplinare in modo unitario l’organizzazione del servizio di gestione dei rifiuti urbani e del servizio idrico integrato, risulta in parte migliorata grazie agli emendamenti proposti dal M5s». Lo scrive in una nota Davide Tavernise, capogruppo pentastellato in Consiglio regionale

«Tanto però non avrebbe legittimato un voto favorevole del gruppo consiliare M5S, che ha espresso, per mezzo del capogruppo stesso, un voto di astensione, coerentemente con quanto dichiarato nel consiglio regionale del 13 aprile scorso ed in accordo con il gruppo parlamentare del M5S calabrese».


«La maggioranza del governo regionale esprimendo parere favorevole – prosegue Tavernise -, e quindi approvando, l’emendamento che vuole, al posto di un solo revisore, un collegio di revisori, composto da tre membri, chiamati a controllare una spesa pubblica aggirante tra i 5 e i 6 miliardi, ha mostrato sicuramente di voler fare dei passi in avanti rispetto alle rigidità iniziali. Un passo in avanti rappresenta, poi, l’impegno dell’esecutivo regionale nel cercare, come richiesto dal M5S, una soluzione perché città importanti come Corigliano Rossano e Lamezia Terme, rispettivamente la terza e la quarta città della Calabria per popolazione, siano di diritto membri del comitato d’ambito». 

«Resta, tuttavia, una incomprensibile e inaccettabile chiusura della giunta regionale, e della sua maggioranza, sulla volontà di far eleggere il direttore generale ad opera del comitato d’ambito, quindi dai sindaci, piuttosto che dal presidente della giunta regionale – continua il capogruppo M5s -. L’approvazione dell’emendamento, proposto dal M5S, in tal senso avrebbe impedito un fortissimo accentramento dei poteri nelle mani del presidente di giunta a discapito proprio dei sindaci, già penalizzati nell’iter che ha segnato il passaggio in aula della legge. Sin dall'inizio della discussione il gruppo consiliare M5S ha condannato il metodo seguito dalla maggioranza, che nei fatti ha messo nell’angolo i sindaci, non ascoltandoli per come, tra l’altro, avevano richiesto». 

«Per queste ragioni il gruppo consiliare M5s, – conclude Tavernise -, ha deciso di esprimere voto di astensione, considerando, quindi, come personale il voto espresso dal consigliere Afflitto».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top