Il coronavirus sta decimando una generazione, sta falciando i nostri nonni, la nostra memoria. In questo racconto di fantasia gli ultimi momenti di un uomo che non deve affrontare solo la malattia ma anche l’oblio della società

di Alessandro Stella
giovedì 9 aprile 2020
07:38
34 condivisioni
«Mi chiamo Antonino P. ho 76 anni e sto morendo in un letto di ospedale»