Rifiuti radioattivi a Vibo, il sindaco: «Chiesta rimozione ma dalla società solo silenzio»

VIDEO | Mentre nella frazione Porto Salva monta la rabbia per la discarica scoperta nell'ex Cgr, il primo cittadino Limardo intima alla società la rimozione dei rifiuti ma l'avvocato Mirigliani di Catanzaro per ora non si è fatto sentire  

di Agostino Pantano
4 giugno 2020
18:57

Il doppio ruolo scomodo, di custode giudiziario della ex fabbrica inquinante sequestrata a Porto Salvo e di sindaco di una comunità preoccupata, Maria Limardo lo vive ammettendo una storica inoperosità degli enti e rivelando l’inattività dei proprietari.

 

«La società che possiede il complesso industriale abbandonato – spiega il primo cittadino di Vibo Valentia – non si è fatta sentire, ma io ho scritto per informare di aver aperto un procedimento per intimare la rimozione dei rifiuti». Francesco Mirigliani, l’avvocato catanzarese, fratello dell’ex assessore regionale Raffaele, dunque deve ora fare qualcosa – parallelamente all’inchiesta della procura che indaga sullo stoccaggio di rifiuti nell’area dell’ex Cgr – in una vicenda che ha diversi contorni opachi.

LEGGI ANCHE: Discarica radioattiva Vibo, l'avvocato Mirigliani: proprietario che nessuno conosce

Il sindaco: «Una fabbrica di veleni»

«Siamo arrabbiati e preoccupati – sostiene Domenico Francica, un cittadino della frazione Porto Salvo – per l’elevata radioattività rilevata durante le operazioni precedenti al sequestro». Sentimenti di cui si è fatto interprete anche il parroco, don Nicola Scordamaglia, che domenica scorsa – dopo la messa in piazza per la festa patronale – ha invitato a parlare proprio il sindaco. «Io non sapevo di chi fosse la proprietà del sito – confessa Limardo – ma non è questo che mi preoccupa, quanto invece la circostanza della scoperta di una fabbrica dei veleni. Che io sappia, il Comune non ha effettuato nessuno intervento neanche nel 2018 a seguito di un incendio che si era sviluppato nel complesso industriale di 10 ettari».

Questa inerzia degli uffici, che risale all’epoca in cui sindaco era Elio Costa, si inserisce nell’ambito di una lunga storia fatta di obblio e dimenticanza, rispetto a un sito che, localizzato in un’area industriale, per il suo mancato riutilizzo – ora macchiato anche dai sospetti sulla radioattività rilevata dall’Arpacal – chiama in causa la responsabilità anche di Corap e Provincia. Ma questa è un’altra storia.

 

LEGGI ANCHE: Rifiuti tossici a Vibo Valentia, la politica si tira fuori: «Non sapevamo»

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio