Quarta ondata

Catanzaro, entra in funzione il reparto di Medicina Covid al Pugliese: attivati i primi 6 posti letto

Al termine dei lavori la disponibilità passerà fino ad un massimo di 14. Al via anche il progetto di telemedicina: dimesso dopo tre giorni il primo paziente che sarà assistito da casa  

45
di Luana  Costa
20 gennaio 2022
12:43

Inizia leggermente ad alleviarsi la pressione dei ricoveri sul reparto di Malattie infettive dell'azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro. Nei giorni scorsi su impulso della direzione generale, è stato infatti avviato il percorso di riconversione di una sezione dell'unità operativa di Geriatria in Medicina Covid. Una strategia già sperimentata nelle precedenti ondate pandemiche e, in particolare, nel novembre del 2020, quando l'intero reparto era stato impiegato per la cura dei pazienti affetti dal virus.

I primi posti 

Risultano già attive 6 postazioni che hanno consentito il trasferimento di altrettanti pazienti dalle Malattie Infettive che ha così guadagnato qualche posto letto: 31 occupati su 35 disponibili. In particolare, nella neonata Medicina Covid sono stati trasferiti quei pazienti asintomatici ricoverati per altre cause ma poichè infetti isolati nel reparto di Malattie infettive. Nei prossimi giorni la dotazione aumenterà passando dagli attuali 6 ad una disposibilità di 12 fino a 14 posti letto garantendo una concreta valvola di sfogo ai reparti sotto stress. 


Interventi infrastrutturali

In un paio di giorni infatti saranno completati i lavori infrastrutturali per la realizzazione di un percorso covid dedicato al passaggio dei pazienti per evitare ogni forma di contaminazione con le degenze no covid. Allo scopo in pochi giorni è stato allestito un tunnel che consente il trasferimento dei pazienti direttamente nel reparto. 

Telemedicina

Nel frattempo, anche all'azienda ospedaliera di Catanzaro, nell'unità operativa di Malattie Infettive è stato avviato il progetto di telemedicina realizzato d'intesa con il policlinico Gemelli di Roma. Si tratta dell'operazione di recente illustrata dal presidente della Regione, Roberto Occhiuto, che dovrebbe consentire di limitare l'ospedalizzazione di soggetti che, pur avendo contratto il virus, possono essere gestiti in forma domiciliare. Un primo paziente è stato dimesso, dopo tre giorni di ricovero, e sarà monitorato direttamente da grazie ad una applicazione installata sullo smartphone.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top