Maxi frode fiscale a Parma, sette arresti e sequestri per 12 milioni

Coinvolti due consorzi riconducibili a imprenditori, uno dei quali recentemente condannato in primo grado per associazione mafiosa in quanto ritenuto organico alla cosca di 'ndrangheta Farao-Marincola

13
di Redazione
18 maggio 2020
08:13
Guardia di finanza
Guardia di finanza

Sette arresti e sequestri patrimoniali per 12 milioni di euro. È l'operazione 'Work in progress' della Guardia di Finanza di Parma, che ha scoperto una presunta maxi frode fiscale nel settore dell'impiantistica industriale.

I militari stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip su richiesta della Procura, nei confronti di sette persone, tra imprenditori e professionisti, nel settore della metalmeccanica e dell'impiantistica industriale attraverso due consorzi riconducibili a due imprenditori, uno dei quali recentemente condannato in primo grado dal Tribunale di Catanzaro per associazione mafiosa in quanto ritenuto organico alla cosca di 'ndrangheta Farao-Marincola.

I sequestri per equivalente delle imposte evase sono su conti correnti, depositi e immobili riconducibili agli indagati. Secondo le indagini, attraverso un meccanismo di frode erano forniti, ad aziende di rilevo nazionale ed internazionale operanti in territorio emiliano, servizi e manodopera a prezzi fuori mercato.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio