L’operazione

La ’ndrangheta nel racket del calcestruzzo, undici misure cautelari della Dda di Milano nel Varesotto

Si tratta di un gruppo di imprenditori e professionisti che operano nel settore edilizia e movimento terra, alcuni originari di Reggio Calabria. Cinque sono finiti in carcere e uno ai domiciliari

53
di Redazione
25 luglio 2022
11:56

Undici persone sono state sottoposte a misure cautelari eseguite stamani dai carabinieri a Saronno, in provincia di Varese, con le accuse a vario titolo di estorsione e turbativa d'asta, aggravate dal metodo mafioso, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Milano.

Si tratta di un gruppo di imprenditori e professionisti che operano nel settore edilizia e movimento terra, residenti nel Varesotto, alcuni originari di Reggio Calabria e ritenuti legati alla 'ndrangheta.


Secondo le indagini dei militari, facendo leva sull'intimidazione, gli indagati hanno estromesso la concorrenza, riuscendo ad aggiudicarsi appalti sul territorio. Il gip di Milano ha ordinato per cinque di loro la custodia cautelare in carcere, per uno i domiciliari, due divieti di permanenza nella provincia di Varese e tre obblighi di firma.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top