Operaio morto a Fiumefreddo Bruzio, sei persone nel registro degli indagati

VIDEO | Si tratta dell'amministratore del condominio teatro della tragedia e dei responsabili dei mezzi meccanici e del cantiere. Ancora gravi, ma stabili, le condizioni dell'altro operaio ferito

26
di Francesca  Lagatta
21 ottobre 2020
14:31

I responsabili della morte di Pino Cosenza, l’operaio di Luzzi ucciso da una potente scarica elettrica a Fiumefreddo Bruzio mentre si trovava al lavoro, potrebbero avere dei nomi e cognomi. Quella che per ora è soltanto una ipotesi, è stata formulata dalla procura retta dal magistrato Pierpaolo Bruni, che per mano del sostituto procuratore Valeria Grieco ha iscritto nel registro degli indagati sei persone. La tragedia, secondo la versione fornita dagli inquirenti, sarebbe stata stata provocata dal contatto tra il braccio di una gru e i fili dell'alta tensione che alimentano le attività della vicina stazione ferroviaria.

Le ipotesi di reato

Negli uffici al quinto piano del Palazzo di Giustizia di via Falcone e Borsellino a Paola si contestano, a vario titolo, i reati di omicidio colposo e lesioni personali colpose. L'avviso di garanzia è stato recapitati agli indirizzi del manovratore  di un mezzo meccanico, del legale rappresentante di una ditta di calcestruzzi, del titolare di una ditta di costruzioni, del responsabile della sicurezza dei lavori sul cantiere, del dirigente dei lavori e dell’amministratore del condominio Fiume di Mare, teatro della tragedia.


Il sequestro dei mezzi

I giudici paolani hanno anche posto sotto sequestro un autocarro betoniera e un autoveicolo per uso speciale, entrambi utilizzati per lo svolgimento dei lavori sfociati in tragedia. Per quanto riguarda l'autopsia del cadavedere, il prossimo 22 ottobre sarà ufficializzata la nomina di Mirko Massimilla, il consulente tecnico incaricato di effettuare l’esame. Le indagini operative, invece, sono affidate alla Compagnia dei carabinieri di Paola, guidata dal giovane capitano Giordano Tognoni.

Ferito, ma vivo, l'altro operaio

Restano ancora gravi ma stabili le condizioni dell’altro operaio colpito dalla scarica elettrica, un uomo di Falconara Albanese, che ha riportato ustioni su tutto il corpo. Subito dopo il drammatico incidente di due giorni fa, l’uomo era stato trasportato in elisoccorso all’ospedale Annunziata di Cosenza.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio