Sandro Principe tornà in libertà

Venute meno le circostanze che avevano determinato la misura cautelare degli arresti domiciliari, l'ex Sottosegretario al Lavoro torna in libertà

11 luglio 2016
15:54

COSENZA – Sono venute meno le circostanze che avevano determinato la misura cautelare degli arresti domiciliari. Per questo il Tribunale del Riesame di Catanzaro, accogliendo il ricorso presentato dagli avvocati Marco Amantea e Franco Sammarro, ha rimesso in libertà Sandro Principe, l'ex Sottosegretario al Lavoro, già assessore e consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta condotta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro sul cosiddetto "Sistema Rende", coordinata dai magistrati Vincenzo Luberto e Pierpaolo Bruni. Secondo i giudici, non vi è alcun pericolo che Sandro Principe possa reiterare i reati di cui è accusato. L'ex sindaco della città del Campagnano era ai domiciliari per concorso esterno in associazione mafiosa poiché, secondo l'accusa, avrebbe ricevuto sostegno elettorale da parte di alcune cosche del cosentino, appartenenti al clan dei Lanzino-Ruà. Oltre a Principe, arrestato il 23 marzo scorso, sono finiti nei guai anche Rosario Mirabelli, Pietro Ruffolo, Umberto Bernaudo e Giuseppe Gagliardi, tutti big della politica rendese.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top