Elezioni 2022

Politiche, il centrodestra trova l’intesa: «Premier chi prenderà più voti»

Accordo anche sulla spartizione dei collegi elettorali: a FdI 98 seggi, 70 alla Lega, 42 a Forza Italia compreso l'Udc, e 11 a Noi con l'Italia più Coraggio Italia

68
di Redazione
28 luglio 2022
07:06

«I leader del centrodestra hanno raggiunto pieno accordo e avviato il lavoro con l'obiettivo di vincere le prossime elezioni e costruire un governo stabile e coeso, con un programma condiviso e innovativo. La coalizione proporrà quale premier l'esponente indicato da chi avrà preso più voti». È quanto si legge nella nota congiunta del centrodestra.

«È stata trovata intesa per correre insieme nei 221 collegi uninominali selezionando i candidati più competitivi in base al consenso attribuito ai partiti. Si presenterà una lista unica nelle circoscrizioni estere e ha istituito il tavolo del programma che si insedierà nelle prossime ore».


La spartizione dei collegi elettorali definita nel vertice di centrodestra prevede, a quanto si apprende, 98 seggi a FdI70 alla Lega42 a Forza Italia, compreso l'Udc, e 11 a Noi con l'Italia più Coraggio Italia.

La spunta la Meloni

La regola del 2018 è salva: il partito che prenderà più voti nel centrodestra il 25 settembre, avrà la 'prelazione' sul nome del prossimo premier. Ed è salva la linea di Giorgia Meloni che incassa l'ok degli alleati riuniti per oltre tre ore a Montecitorio. Le regole non si cambiano in corsa, martella da mesi la leader romana e oggi nel primo vertice pre-elettorale con Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, ne strappa la conferma. È lei, dunque, a segnare il primo punto sulla premiership. E l'ok spiana la strada al suo partito, visto il buon vento che arriva dai sondaggi.

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top