Allarme lupi, gli allevatori: «Attaccano e uccidono il bestiame, servono ristori»

VIDEO | Segnalazioni si susseguono nelle province di Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia. I titolari di allevamenti insorgono e chiedono aiuti per i danni provocati dall'abbattimento dei capi 

253
di Luana  Costa
7 marzo 2021
17:20

È notte e le fototrappole installate dagli allevatori immortalano la presenza di un lupo. È ottobre 2019 e si è a Vazzano in provincia di Vibo Valentia; l'animale si aggira attorno alla carcassa di una capra. Mutati equilibri ambientali e anche i lupi abbandonano il naturale habitat per fare razzia di allevamenti nelle aziende agricole. «Dopo aver subìto alcuni attacchi, ho visto la presenza di tre lupi di grande taglia che per un periodo abbastanza lungo soggiornava nelle aree limitrofe all'azienda» racconta Federico Pettinato, allevatore.

Lupi in città

Si è in località Santa Domenica a due passi da Catanzaro. Tre anni fa 17 pecore sgozzate ma la storia si ripete: «Due settimane fa, durante una notte di pioggia è stato attaccato un gruppo di pecore che avevo nella parte centrale dell'azienda - prosegue ancora Pettinato -. I lupi hanno sgozzato due montoni». È allarme in tutta l'area centrale della Calabria, dove i lupi in alcuni casi sono stati avvistati anche nei comuni del litorale ionico.


L'allarme degli allevatori

«Dopo aver, nostro malgrado, ingoiato il rospo amaro di dover condividere le aziende con i cinghiali, negli ultimi anni purtroppo ci siamo abituati anche alla presenza del lupo - commenta l'allevatore -. Gli attacchi in Sila li abbiamo sempre avuti, quindi siamo abituati ma qua alle porte di Catanzaro in una zona dove non dovrebbero esserci neppure cinghiali, la presenza anche dei lupi diventa un problema in più da dover affrontare».

Continui avvistamenti

Sempre a Vazzano, nel novembre del 2019 la carcassa di un giovane lupo viene ritrovata in campagna ma gli avvistamenti si susseguono ancora oggi a Vallonga, San Nicola da Crissa, Serra San Bruno, Torre di Ruggiero e anche nel crotonese. «La situazione è drammatica e non limitata alla zona di Catanzaro - spiega il presidente di Coldiretti Catanzaro, Crotone e Vibo Valentia, Fabio Borrello -. Abbiamo costanti e numerosi avvistamenti anche nella provincia di Vibo Valentia e Crotone. Abbiamo già segnalato la presenza di lupi che aggrediscono gli animali al pascolo, una circostanza che provoca gravissime conseguenze perchè si mina il tessuto economico e sociale di aree importanti, vocate all'allevamento. Quindi occorre intervenire rapidamente con il risarcimento dei danni e non costringere gli allevatori ad adire le vie legali per ottenere ciò che gli è dovuto».

«Danni numerosi»

«I danni sono numerosi, non solo l'abbattimento del capo - spiega ancora l'allevatore - ma il gregge che esce al pascolo consapevole della presenza del lupo, mangia male ed è un animale che ha paura; questo provoca una riduzione della produzione. È un problema che va affrontato con serietà nel rispetto della presenza del lupo ma anche del lavoro dell'allevatore. Quindi, noi chiediamo ristori, degli indennizzi com'è giusto che sia».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top