Venti di guerra

Discarica Melicuccà bocciata, Metro city minimizza e le associazioni insorgono: «Non può demolire lo studio del Cnr»

VIDEO | Conferenza stampa di 7 associazioni che difendono la relazione sugli effetti che l'impianto potrebbe provocare sulle falde acquifere. Le accuse al sindaco Fuda: «Ha scritto una pagina nera nella storia dell'ente»

135
di Agostino Pantano
10 dicembre 2021
18:24

Sette associazioni, dopo averlo annunciato, hanno tenuto la conferenza stampa – sui risultati dello studio del Cnr sulla discarica di Melicuccà – nelle stesse ore in cui la Città metropolitana ridimensionava gli effetti della Relazione. Centouno pagine difese da Cittadinanza Attiva, Agape, circolo Armino, Pro Salus, Città Mia e Alba, Terramala – i movimenti di Bagnara Calabra, Palmi, Seminara e Sant’Eufemia d’Aspromonte da tempo impegnati contro l’impianto non ancora avviato – e osteggiate dall’ente che ha definito «non esaustivo» lo studio. «Il Cnr – ha detto Antonio Latella – è un ente autonomo e produce atti che sono il prodotto scientifico di una analisi».

Mettono le mani avanti, gli ambientalisti, sapendo che per la stessa mattinata la Città metropolitana aveva chiesto e ottenuto la convocazione d tavolo alla Regione. «L’ente non può buttarla in caciara – prosegue Latella – demolendo uno studio che è stato commissionato proprio dalla Città metropolitana, che è arrivato allo stesso risultato che già il geologo incaricato dalla Regione aveva sottolineato qualche anno fa». Secondo i contenuti illustrati, sarebbero state certificate le interferenze che possono esserci tra la discarica e le falde acquifere del torrente Arena che rifornisce l’acquedotto Vina, che serve palmi, Seminara e Melicuccà. Denunciano un accanimento amministrativo, le associazioni, che hanno descritto anche le difficoltà incontrate per l’accesso all’atto.


«Il delegato all’Ambiente Salvatore Fuda – ha incalzato Pino ippolito – con le dichiarazioni rese circa lo studio del Cnr ha scritto una pagina nera della storia dell’ente. A maggior ragione oggi continuo a chiedermi quali interessi ci siano dietro un impianto che rende succubi sia i tecnici che i politici dell’ex Provincia».

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top