Lotta ai cambiamenti climatici, 7 comuni calabresi nelle Comunità energetiche

Grazie ad un protocollo con l’Unical anche la nostra regione inizierà la battaglia attraverso la decarbonizzazione della produzione dell’energia. Ecco quali sono i centri coinvolti

di Redazione
2 luglio 2021
06:32
Tiriolo
Tiriolo

La transizione energetica in Calabria procede a grandi falcate, anche grazie alle sinergie importanti tra le istituzioni operanti sul territorio. Grazie ad un protocollo d’intesa tra il dipartimento di Ingegneria, Meccanica Energetica e Gestionale (DIMEG) dell’Università della Calabria diretto Leonardo Pagnotta, diventeranno a breve realtà le prime Comunità Energia Rinnovabile in Calabria. Si tratta ben sette realtà: Tiriolo, Panettieri, Carlopoli, Riace, Galatro, San Marco Argentano e San Fili.

Comuni, Regione e Università si stanno muovendo sinergicamente in questa importante battaglia per contrastare i cambiamenti climatici attraverso la decarbonizzazione della produzione dell’energia. Il problema è globale, ma ognuno deve operare localmente e in maniera incisiva ed efficace per limitare i nefasti effetti antropici sull’ambiente e sul Clima.


Il principio  “Pensare Globale e Agire Locale” è , spiega una nota,  il motore che anima l’adozione di soluzioni innovative che partono dal basso con il pieno coinvolgimento dei cittadini come appunto le Comunità di Energia Rinnovabile (Cer).

Le Cer, traggono origine da una iniziativa della Comunità Europea che nel 2015 ha promosso un “new deal” per i consumatori di energia in seguito al quale sono seguite due importantissime direttive europee la Red II (Renewable Energy Directive, 2018/2001) e Iem (Internal Energy Market Directive, 2019/944).

Nelle more del pieno recepimento della Red II, l’Italia ha diligentemente emanato importanti disposizioni legislative durante la conversione in legge del decreto-legge n. 162/2019 (milleproroghe) con l’introduzione dell'articolo 42-bis che ha consentito di “attivare l'autoconsumo collettivo da fonti rinnovabili ovvero realizzare comunità  energetiche   rinnovabili”.

La Regione Calabria poi,  tra le prime regioni in Italia, ha sostenuto tale iniziativa promulgando a sua volta la legge Regionale n. 25 del 19 novembre 2020, per la “Promozione dell’istituzione delle Comunità energetiche da fonti rinnovabili”.

«Un successo insperato – commenta Daniele Menniti, ordinario di Sistemi Elettrici per l’Energia all’Unical e responsabile dell’attuazione degli accordi tra il Dimeg e i Comuni – che dimostra quanta sensibilità e attenzione vi sia da parte dei cittadini e delle istituzioni verso i temi della transizione ecologica/energetica e quanto grande sia la consapevolezza dei pericoli connessi con i cambiamenti climatici per il nostro pianeta».

«Non sono più problemi locali ma ogni azione ha effetti globali e “Pensare Globale e Agire Locale” è ormai un “must” al quale tutti dovremo conformarci se vorremo garantire per il futuro condizioni di vita accettabili per i nostri nipoti. Agire ora prima che sia troppo tardi – prosegue Menniti - è fondamentale prima che si varchi inesorabilmente il punto di non ritorno. Le istituzioni e, in primis, quelle più vicine ai cittadini come i Comuni, potranno giocare un ruolo strategico per contribuire ad evitare una catastrofe planetaria». In Calabria   la sfida è appena iniziata e le premesse per dare un contributo vero alla transizione sembra a portata di mano.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top