Dal Reggino

Melito Porto Salvo, sequestrata una cava abusiva: operava da 20 anni su terreni confiscati alla ‘Ndrangheta

L’area era divenuta poi proprietà comunale che avrebbe dovuto destinarla a progetti di utilità sociale. Denunciate tre persone

12
di Redazione
27 aprile 2022
15:30
Cava sequestrata a Melito Porto Salvo
Cava sequestrata a Melito Porto Salvo

Sequestrata nel Reggino una cava di inerti abusiva su terreni di proprietà comunale. Più nel dettaglio, i Carabinieri Forestali della Stazione di Melito Porto Salvo, supportati dal Nucleo investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare Forestale di Reggio Calabria e da altri reparti dell’Arma, su mandato della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, hanno sequestrato, in località “Zinzoluso”, gli impianti ed i mezzi meccanici al servizio di una cava di materiale inerte. La cava operava da oltre 20 anni su terreni confiscati nel 1999 alla nota cosca dei Iamonte e trasferiti al patrimonio del Comune di Melito di Porto Salvo, che avrebbe dovuto destinali a progetti di utilità sociale.

La cava abusiva a Melito

Secondo gli accertamenti allo stato svolti, e salve le verifiche nei vari gradi di giudizio, i terreni però non sono mai stati destinati a tale scopo, ma di fatto lasciati nella disponibilità della ditta di inerti che, negli anni, ha continuato ad operare indisturbata, cavando abusivamente un enorme quantità di materiale ed alterando irrimediabilmente la morfologia dei luoghi, in un’area peraltro destinata dal Piano Urbanistico comunale come zona agricola e sottoposta al vincolo paesaggistico.


I Carabinieri forestali hanno ricostruito l’intera complessa vicenda, deferendo all’Autorità Giudiziaria tre persone che a vario titolo operavano all’interno della cava e che dovranno rispondere, nelle sedi giudiziarie preposte, di una lunga serie di reati.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top