Rifiuti pericolosi in discarica chiusa a ridosso dell'Aspromonte, indagini in corso

L'area su cui ignoti continuavano a conferire è stata sequestrata. Gli inquirenti sentiranno i responsabili dell'Ufficio tecnico comunale di Santo Stefano

10
di Redazione
15 aprile 2021
13:47
L’area sequestrata
L’area sequestrata

I carabinieri hanno sequestrato la vecchia discarica comunale di Santo Stefano in Aspromonte che, nonostante fosse chiusa da tempo, continuava ad essere utilizzata in modo incontrollato per ricevere rifiuti di ogni tipo, anche pericolosi.

La discarica, vasta circa 3.600 mq, utilizzata a suo tempo per i rifiuti solidi urbani, risultava chiusa da diversi anni, con la vasca di raccolta sigillata da uno strato di terra. Su questa copertura, nel tempo, ignoti hanno continuato a conferire rifiuti di ogni genere, ben più pericolosi dei rifiuti urbani, come lastre di eternit frantumate, contenitori di oli esausti e vernici, carcasse e parti di autoveicoli, apparecchiature elettriche ed elettroniche (R.A.E.E.). Alcuni dei rifiuti erano muniti di matricola d’inventario e logo del Comune di Santo Stefano d’Aspromonte come a dichiararne, in modo inconfutabile, la provenienza.


Il tutto a ridosso dei confini del Parco Nazionale d’Aspromonte, con gli inevitabili percolati e fluidi inquinanti che confluiscono direttamente sul vicino Torrente Fiumarella, in una zona di pregio ambientale attraversata da diversi sentieri escursionistici appositamente segnalati dal C.A.I. (Club Alpino Italiano). Sulla provenienza rifiuti e sullo scempio ambientale daranno dare spiegazioni agli inquirenti i responsabili dell’Ufficio tecnico comunale, in attesa che le indagini, attualmente contro ignoti e tuttora in corso, definiscano chiaramente le responsabilità.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top