Tumore alla prostata, il cane Hoover è il primo paziente curato con la nanomedicina

Il beagle ha dieci anni ed è anche il primo paziente al mondo a ricevere questa particolare cura. Sono stati i ricercatori dell'Università del Queensland in Australia ad aiutarlo, gli stessi sperano di individuare un trattamento migliore per le persone contro la sua stessa malattia 

3
25 settembre 2018
13:28

Buone notizie per Hoover, un beagle di dieci anni affetto dal cancro alla prostata, una malattia che colpisce tantissimi cani di sesso maschile, in età avanzata. Hoover è il primo paziente al mondo a ricevere una particolare cura che segue i principi della nanomedicina, la tecnica basata sull'uso di minuscole particelle per veicolare i farmaci nell'organismo. Nel suo caso, le terapie mirano specificatamente a una proteina presente nel suo carcinoma. Sono i ricercatori dell'Università del Queensland, in Australia, ad aiutare Hoover, i quali sperano di individuare un trattamento migliore per le persone contro la sua stessa malattia.

 


Per Kris Thurecht, professore associato dell'ateneo, la nuova tecnologia è importante per far progredire la ricerca contro il cancro. «La chemioterapia - spiega - è un trattamento comune per la maggior parte dei tumori. Sfortunatamente può anche causare seri effetti collaterali perché non è sempre in grado di differenziare le cellule tumorali da quelle sane, a volte danneggiando nel processo le cellule sane. I nanofarmaci con la capacità di indirizzarsi su specifiche aree possono portarci a indirizzare i farmaci chemioterapici dove sono necessari e uccidere le cellule cancerogene con un impatto minimo sulle cellule sane». Spiegano dall'ateneo come studi pre-clinici abbiano avuto successo nel trattamento del cancro alla prostata in laboratorio, portando in alcuni casi alla remissione totale.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top