Il progetto

Scalea, al posto del canile nasce il parco per gli amici a quattro zampe: ci sarà la piscina e niente gabbie

VIDEO | Il progetto è dell'associazione Salvami, presieduta dalla presidente Dragana Kojic Maltecca, che negli ultimi tre anni ha seguto con successo 438 pratiche di adozioni canine

692
di Francesca  Lagatta
25 maggio 2022
23:00

Un parco per cani con piscina, niente gabbie e cure h24. È questo il progetto su cui l'associazione "Salvami" ha già cominciato a lavorare e che, salvo imprevisti, vedrà la luce ad ottobre prossimo. Il via libera è arrivato dalla giunta comunale di Scalea che il 19 maggio scorso ha approvato il progetto dei volontari di gestire il terreno su cui in precedenza sorgeva un canile.
L'area concessa è quella di Piano Grande, nella parte periferica della città di Torre Talao. «Con tutto il rispetto per i canili, che sicuramente fanno un buon lavoro - ha detto la presidente dell'associazione, Dragana Kojic Maltecca - l'obiettivo del nostro parco è quello di dare la possibilità ai cagnolini di sentirsi come a casa».

L'aiuto del Comune di Scalea

«Un grande grazie al Comune di Scalea - continua la donna - che ci ha permesso di avere in affido questo terreno di 2500 metri quadri». Il lavori per la realizzazione del parco cominceranno subito e andranno avanti per alcuni mesi. La sua apertura potrà servire a contrastare il fenomeno del randagismo. 


«Il Comune di Scalea avrà sempre la precedenza - continua -, riserveremo loro almeno cinque posti per i cani che verranno recuperati in strada sul territorio cittadino. Ma invitiamo anche Tortora, Praia e San Nicola Arcella a sottoscrivere delle convenzioni con noi. Non vogliamo che gli animali rimangano qui fino alla fine dei loro giorni. Qui ci occuperemo di loro in attesa di darli in adozione e cureremo anche la parte burocratica fino al rilascio dei passaporti».

Parco sorvegliato tutto il giorno

L'altra grande novità del parco per cani sarà la presenza di un direttore sanitario, già individuato nella persona del medico veterinario Gianfrancesco Gentile, e di una guardiana che vivrà nel parco insieme ai cani e li sorveglierà 24 ore al giorno. Qui potranno arrivare anche quei cuccioli che, per svariati motivi, non possono più rimanere nelle famiglie che li avevano presi in carico. «Cercheremo di dare una mano a tutti», conclude la presidente dell'associazione "Salvami".

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top