Scuole, il Viminale ribadisce: «Regioni e sindaci non possono chiuderle»

Da oggi si torna in classe fino alla prima media anche in zona rossa. Il ministero dell'Interno chiarisce: «Deroghe solo in casi eccezionali e dopo confronto con autorità sanitarie»

333
di Redazione
7 aprile 2021
06:33

La decisione del governo di prevedere la didattica in presenza fino alla prima media nelle zone rosse «non ammette alcun intervento in deroga da parte dei presidenti di Regione o delle province autonome e dei sindaci, in conseguenza dell'adozione di proprie specifiche ordinanze, tranne che in casi di natura eccezionale legati alla presenza di focolai o ad un grado estremamente elevato di rischio di diffusione del virus e delle relative varianti».

Lo ribadisce il Viminale nella circolare esplicativa del decreto in vigore da domani sottolineando che le eventuali deroghe dovranno comunque essere «adeguatamente motivate», adottate dopo un «confronto con le competenti autorità sanitarie» e «in conformità ai principi di adeguatezza e proporzionalità».


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top