Turno di servizio in mutande. Il pesce d’aprile del Coisp, sindacato di Polizia

Il segretario regionale del Coisp Giuseppe Brugnano: «Ebbene, pur trattandosi di un pesce d'aprile quanto da noi denunciato non è lontano dall'attualità. I poliziotti calabresi si sentono denudati dallo Stato»

di Redazione
1 aprile 2017
18:24

«Un nostro comunicato stampa di questa mattina 1 aprile, come ogni anno con goliardia ma senza staccarsi molto dalla realtà, avevamo annunciato che tutto il personale di Polizia iscritto al Coisp avrebbe iniziato il proprio turno di servizio in tutta la Calabria indossando solo la biancheria intima».

 


Lo afferma Giuseppe Brugnano, segretario generale regionale del Coisp - il sindacato indipendente di Polizia, che continua: «Ebbene, pur trattandosi di un pesce d'aprile (tra i piu' simpatici di oggi. ndr) quanto da noi denunciato non e' certo lontano dall'attualità. I poliziotti calabresi, difatti, al pari di tutti quelli sul territorio nazionale - continua Brugnano - da tempo si sentono denudati da uno Stato che sembra non volere ascoltare le nostre proteste. Ci sentiamo soli e abbandonati davanti ad una criminalità organizzata sempre più potente e tecnicamente all'avanguardia. Siamo nudi davanti ad una politica che non offre risposte. Ci auguriamo - conclude il segretario del Coisp calabrese - che questa forte e plateale "protesta" possa scatenare una reazione in quanti avrebbero dovuto ascoltare prima le nostre richieste di opinionisti, politicanti e pseudo rappresentanti i quali amano continuare l'opera di strumentalizzare la Sicurezza dei cittadini ed il lavoro quotidiano e certosino degli Operatori della sicurezza». (Agi)

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top