A Vibo Valentia scoppia il caso dei buoni mensa scolastici

Hanno presentato una petizione con oltre 150 firme. Protagonisti un centinaio di genitori che si sono rivolti alla Federconsumatori per denunciare una strana quanto complicata procedura messa a punto dal Comune di Vibo. Stiamo parlando del servizio mensa dell’asilo comunale e in particolare dell’acquisto dei buoni pasto per i bambini.

di Cristina Iannuzzi
26 gennaio 2015
14:37

Fino allo scorso anno i cedolini si acquistavano in un apposito ufficio. Quest’anno invece, occorre recarsi alla posta per effettuare un versamento e attendere pazientemente il proprio turno. Oltre alle 2,50  per buono pasto bisogna versare 1,40 per l’operazione. Se si vuole tagliare la fila, si può anche optare per le edicole e tabacchi dotati di apposito servizio postale. A quel punto l’operazione però costa 2 euro. Con la ricevuta del versamento in mano, ci si può finalmente recare al Comune, piazza Martiri d’Ungheria, secondo piano. Altra fila ed altri orari in genere poco compatibili con le esigenze di padri e madri che lavorano. Solo ottenuti i buoni, si ritorna all’asilo e il proprio figlio può usufruire della mesa scolastica.  Una situazione insostenibile per i genitori che hanno deciso di rivolgersi attraverso l’associazione dei consumatori, alla dirigente del comune Adriana Teti, la quale però ha ribadito di non potere fare nulla.

COMMENTI
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top