Aggredito in centro, costretto a saltare la terza prova scritta della maturità

L'episodio a Cosenza durante la movida del sabato sera. Indagini in corso

57
di Salvatore Bruno
26 giugno 2018
23:10

E’ stato dimesso dall’ospedale dell’Annunziata di Cosenza il diciottenne pestato nella tarda serata di sabato scorso, 23 giugno, da una persona del quale non ha saputo fornire l’identità. L’episodio si è verificato in pieno centro, nei pressi di Piazza Scura.

La cronaca dell’aggressione

Secondo quanto si è appreso, prima di accanirsi sul diciottenne, l’autore dell’aggressione stava litigando con una ragazza, non è chiaro se la stesse strattonando, mentre la vittima si apprestava a telefonare ad un amico. Forse temendo che il ragazzo volesse, con il cellulare, allertare le forze dell’ordine, l’energumeno lo ha colpito con una bottiglia al capo. Poi lo ha scaraventato al suolo e gli ha sferrato almeno due calci: uno al volto e uno al fianco. Quindi si è dileguato.


Indagano gli agenti della questura

Soltanto il giorno dopo il padre del giovane ha appreso dell’aggressione ed ha accompagnato il figlio in ospedale, dove si è deciso per il ricovero. Il diciottenne è stato costretto a saltare la terza prova scritta della maturità, il famigerato quizzone. Sull’accaduto indaga la polizia sulla base della testimonianza con la quale la vittima ha ricostruito i fatti.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top