’Ndrangheta

Alibante, 29 gli imputati rinviati a giudizio: c’è anche l’ex sindaco di Falerna Giovanni Costanzo

La decisione del gup di Catanzaro che ha fissato la prima udienza al prossimo 8 luglio davanti al tribunale di Lamezia Terme

23
di Redazione
11 aprile 2022
20:35

Il gup del Tribunale di Catanzaro Alfredo Ferraro ha rinviato a giudizio tutti gli imputati del procedimento Alibante incentrato sulle presunte infiltrazioni mafiose nell'area del medio Tirreno catanzarese.

Nel mirino affari e interessi del presunto clan facente riferimento al boss Carmelo Bagalà, che avrebbe legami con organizzazioni criminali in provincia di Cosenza, nella Piana di Gioia Tauro e nelle province di Vibo Valentia e Caserta. Il clan, secondo l'accusa, avrebbe controllato, tra i comuni di Nocera Terinese e Falerna, attività commerciali e turistiche, con interessi in appalti e servizi pubblici e la politica.


Gli imputati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso, abuso d'ufficio, corruzione, estorsione, consumata e tentata, intestazione fittizia di beni, rivelazione di segreti d'ufficio, turbata libertà degli incanti e turbativa d'asta.

Tra gli imputati anche l'ex sindaco di Falerna Giovanni Costanzo, che avrebbe promesso il cambio di destinazione d'uso di un terreno per ottenere il sostegno elettorale di Bagalà. A chiedere il rinvio a giudizio sono stati i pubblici ministeri Chiara Bonfadini e Romano Gallo.

Il gup ha fissato l'inizio del processo per il prossimo 8 luglio davanti al tribunale collegiale di Lamezia Terme. Sono 29 le persone rinviate a giudizio su 31 imputati: per Alessandro e Mario Gallo, infatti, l'avvocato Leopoldo Marchese aveva avanzato richiesta di giudizio immediato. Richiesta ammessa e udienza fissata per il prossimo 7 giugno.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top