Lamezia, l’appello di don Panizza: «Servono 250 mascherine»

La Comunità Progetto Sud continua ad operare con i minori non accompagnati, con i tossicodipendenti e con gli anziani ma non ha dispositivi di protezione

14
di Redazione
23 marzo 2020
14:59

«Siamo in trincea senza essere stati arruolati». Inizia così l’appello della Comunità Progetto Sud guidata da don Giacomo Panizza. Una realtà molto radicata territorialmente, punto di riferimento per la Calabria, che ha a che fare con soggetti deboli e fragili.

 

Ma, in questo periodo di emergenza, anche i suoi dipendenti si trovano a dovere operare senza mascherine. Da qui l’appello del sacerdote che spiega di avere bisogno di 250 mascherine per i propri operatori, ma anche per gli ospiti.

 

In particolare, a rimanere attive al momento e ad avere quindi bisogno di adeguati supporti di protezione sono la casa famiglia Dopo di noi, la casa di accoglienza per minori non accompagnati Luna Rossa e la comunità terapeutica Fandango. Per contribuire alla causa si può contattare il numero 3930359308 o scrivere a ufficiostampa@c-progettosud.it.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio