Arma dei Carabinieri in festa a Vibo per i 204 anni dalla sua fondazione -VIDEO

Partecipata cerimonia nella sede del 14esimo Battaglione Carabinieri “Calabria” alla presenza di numerosi alunni delle scuole del Vibonese, autorità civili e militari, sindaci e commissari

440
di Redazione
5 giugno 2018
13:21

Questa mattina l’Arma di Vibo Valentia ha festeggiato, nella sede del 14° Battaglione Carabinieri “Calabria”, il 204° anniversario della sua fondazione, stretta attorno alle autorità della Provincia, i sindaci e i commissari, tanta gente comune, numerosi familiari e simpatizzanti dell’Arma. Tanti anche gli alunni delle scuole del Vibonese con i loro insegnanti e genitori. Suggestivo anche il momento dedicato all’inno d’Italia suonato e cantato dagli alunni del Liceo “Capialbi” diretti dal Maestro Diego Ventura. Nel corso della cerimonia, alcuni alunni della Scuola Don Bosco di Vibo Valentia hanno accompagnato il Vice Prefetto Vicario di Vibo Valentia, Eugenio Pitaro, il presidente del Tribunale di Vibo Valentia, Alberto Nicola Filardo, Monsignor Luigi Renzo, il vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, il procuratore facente funzioni della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vibo Valentia, Filomena Aliberti, il rappresentante della Dda Annamaria Frustaci, mentre premiavano i Carabinieri distintisi nell’anno per atti di valore. Un gesto di colleganza ideale tra le nuove generazioni e i Carabinieri quali esempi di vita e rispetto delle regole.

 


Un ringraziamento ai Carabinieri di Vibo per il loro servizio per i cittadini della Provincia e un messaggio di fiducia nelle istituzioni e nell’Arma nella lotta alla ‘ndrangheta quello espresso dal Comandante dei Carabinieri di Vibo che, accompagnato dagli ufficiali e dai comandanti delle stazioni, ha ricordato come in città siano presenti reparti di eccellenza dell’Arma. Carabinieri per lo più giovani che nel Vibonese si formano professionalmente per poi spendere l’esperienza maturata in Calabria nelle altre città d’Italia e anche all’estero dove l’Arma è un’eccellenza investigativa ed un modello per le Polizie da ricostruire come in Asia, Medioriente e Africa con la cosiddetta Polizia di Stabilità.

 

Nessun bilancio da parte del Colonnello Comandante ma un grazie ai Carabinieri di Vibo per il loro lavoro: «Non è questa la sede per fare bilanci. Però posso confermare che tutti noi Carabinieri di Vibo Valentia, condividiamo il dovere quotidiano di rispondere al bisogno di sicurezza dei nostri concittadini ed il progetto di liberare la Provincia di Vibo dalla presenza arrogante della 'ndrangheta. Tutti noi condividiamo la responsabilità del nostro servizio, sacrificando chi la giovinezza, chi il tempo per la famiglia, chi l'aspirazione ad una vita senza ansie preoccupazioni».

 

 

Le stazioni punto di riferimento per i cittadiini

Il Colonnello Magro ha voluto mettere in luce come le Stazioni dei paesi del Vibonese costituiscano un punto di riferimento per la cittadinanza. Ma soprattutto come i Carabinieri si prendano cura con passione dei loro concittadini e l’attenzione nei riguardi dei più deboli, anziani, donne e giovani «Tutti noi condividiamo la responsabilità del nostro servizio, sacrificando chi il tempo per la famiglia, chi l'aspirazione ad una vita senza ansie preoccupazioni, chi la giovinezza ….. La discreta presenza di noi Carabinieri nelle piazze e nelle vie dell’intera Provincia, l’attenzione ai bisogni della cittadinanza e in particolare, la cura dei più deboli, le donne e gli anziani, sono una certezza per i cittadini e un invito a rivolgersi a Noi con fiducia»..

L'omaggio ai caduti

In conclusione il Colonnello ha voluto riservare un momento per ricordare i caduti dell’Arma in particolare «il Brigadiere Gaetano Miscia, vittima del dovere, scomparso nel novembre del 1981 e il Carabiniere Antonio Civinini, Medaglia d'Argento al Valor Militare, il cui sacrificio onoreremo il prossimo venerdì 22 giugno con un concerto presso l’auditorium della ex chiesa dello Spirito Santo e sabato 23 giugno in piazza Martiri d’Ungheria».

Le onorificenze consegnate

Ecco l’elenco delle onorificenze consegnate ai militari distintisi in maniera particolare:
- Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Calabria” al Maresciallo Maggiore Demuru e all’Appuntato Curcio per aver concluso, nel 2015, in qualità di Comandante e Addetto alla Stazione di Rombiolo, un’articolata attività d’indagine che consentiva l’individuazione di una piantagione di “cannabis indica” ed il sequestro di 452 piante e di 200 kg di marijuana, per un valore complessivo di circa 1 milione di euro, nonché l’arresto di due soggetti responsabili, in concorso tra loro, di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti o psicotrope;
- Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Calabria” al Maresciallo Maggiore Mingolla, al Maresciallo Capo Torcasio e al Maresciallo Capo Iessi poiché, nel febbraio 2016, in qualità di addetti alla Sezione di Polizia Giudiziaria, fornivano determinante contributo a complessa e prolungata attività d’indagine che consentiva di trarre in arresto, in esecuzione di provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, due soggetti responsabili di omicidio di anziana persona a seguito di rapina;
- Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Calabria” al Maresciallo Ordinario Cirillo, all’Appuntato Scelto Mobrici, all’Appuntato Lico e all’Appuntato Merola per aver fornito, nel 2015, in qualità di Comandante e Addetti alla Stazione di Zungri, determinante contributo a complessa e prolungata attività investigativa che consentiva l’individuazione e la cattura di un latitante, elemento di rilievo criminale, ricercato per omicidio ed altri gravi reati;
- Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Calabria” al Maresciallo Maggiore Stagliano’, al Brigadiere Capo Iovine, ai Vice Brigadieri Sandro Paolo CavallarO e Enzo Andrea Cavallaro, per aver fornito, tra il 2013 e il 2016, in qualità di Comandante e Addetti al Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Serra San Bruno, determinante contributo a complesse attività d’indagine che consentivano di identificare e trarre in arresto, in esecuzione di provvedimento restrittivo dell’Autorità Giudiziaria, una donna responsabile di omicidio e due suoi correi, responsabili in concorso con la stessa, della distruzione del cadavere;
- Encomio Semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Calabria” al Maresciallo Maggiore Garavelli, al Maresciallo Maggiore Scarcella, al Maresciallo Capo Sanfilippo, al Maresciallo Ordinario Marino, all’Appuntato Scelto Q.S. Curro’ e agli Appuntati Scelti Ramondino, Marino e Laria, per aver fornito, in qualità di addetti al Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia, tra il 2010 e il 2016, determinante contributo ad articolata e complessa indagine nei confronti di locale consorteria di ‘ndrangheta, che si concludeva con l’esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti affiliati, il sequestro preventivo di beni per un valore di 50 milioni di euro ed il rinvio a giudizio di 78 indagati.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top