La testimonianza

Arresto Gallo, il consulente del lavoro che lo denunciava da anni: «Era uno scandalo sotto gli occhi di tutti»

Marco Militello aveva più volte segnalato presunte irregolarità nella gestione della manodopera da parte del patron della Reggina: «Troppo tardi per le migliaia di lavoratori che non recupereranno più i contributi di cui sono stati privati»

88
di Redazione
5 maggio 2022
20:53
Luca Gallo
Luca Gallo

«Questo giorno arriva tardi perché decine di migliaia di lavoratori sono stati privati dei contributi per anni e non li rivedranno mai più». A dichiararlo è Marco Militello, consulente del lavoro a Roma, che da otto anni presenta denunce in serie all’Ordine dei consulenti del lavoro e all’Ispettorato nazionale del Lavoro sulle irregolarità nella gestione della manodopera da parte del presidente della Reggina, Luca Gallo, al centro dell’indagine che lo ha portato oggi agli arresti domiciliari.

Per quelle denunce, Militello ha due procedimenti a suo carico aperti dall’Ordine, uno già archiviato, l’altro in corso. All’organismo di rappresentanza si era rivolto Gallo incolpandolo di violazione del codice deontologico. «Otto anni fa un’azienda mia cliente ha ricevuto una mail in cui la M&G, la società all’epoca di Gallo, si offriva per la somministrazione di manodopera garantendo una riduzione del costo del lavoro del 40%. Mi chiesero come mai con me avrebbe dovuto pagare di più e gli spiegai che quella della M&G era un’offerta illecita».


Un paio di anni dopo, prosegue Militello, «scoprii che la società di Gallo era cresciuta a dismisura truffando un grandissimo numero di aziende. Nel 2017 i consulenti del lavoro  hanno organizzato dei convegni sugli apppalti illeciti per la manodopera e invitarono anche lui a raccontare la sua versione. Non si presentò».

Militello ha presentato decine di segnalazioni da allora e si è esposto anche in un’intervista televisiva al programma Le Iene. «Ho preso un paio di querele da Gallo e sono sotto procedimento disciplinare da parte dell’Ordine dei consulenti del Lavoro, ma oggi posso dire di avere avuto ragione - conclude -. Non l’ho fatto per interessi miei e il mio più grande dispiacere è sapere che, dopo che la M&G è stata svuotata dal Tribunale di Catania che ne sta curando il fallimento, i lavoratori non recupereranno mai più i loro soldi. Era uno scandalo sotto gli occhi di tutti, ci si poteva arrivare prima. E gli è anche stata data la cittadinanza onoraria a Reggio, spero gliela toilgano».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top