Beccato mentre cura una piantagione di marijuana nel Reggino, arrestato un pastore

Il ragazzo, per raggiungere l'appezzamento, aveva realizzato anche un artigianale cunicolo tra i rovi di oltre 50 metri

9
di Redazione
8 settembre 2020
12:26
Piantagione di marijuana nel Reggino
Piantagione di marijuana nel Reggino

Dopo le mille piante distrutte qualche settimana fa, un’altra piantagione di canapa indiana individuata e sequestrata dai Carabinieri di Taurianova sull’altopiano della Limina. I Carabinieri della Compagnia di Taurianova, insieme ai colleghi Cacciatori dello Squadrone Eliportato di Vibo Valentia, hanno tratto in arresto in flagranza Rocco Tigani, 30enne pastore di Cinquefrondi per il reato di coltivazione di sostanza stupefacente.

In particolare, i militari, dopo aver individuato una piantagione nella impervia area boschiva hanno iniziato un prolungato servizio di osservazione fino a cogliere l’arrivo del ragazzo, in procinto di curare le piante con specifici prodotti per la crescita. La piantagione era stata strategicamente realizzata ad una altezza di circa 800 metri, all’interno di una piazzola occultata da alti rovi e circondata da alberi, in modo da renderla non visibile dall’alto e difficilmente raggiungibile da terra. Per entrare nella piantagione l’uomo aveva realizzato anche un artigianale cunicolo tra i rovi di oltre 50 metri.

 

Oltre 100 piante di canapa indiana, una parte delle quali di oltre 2,5 metri di altezza, altamente produttive, che avrebbero potuto produrre un cospicuo quantitativo di marijuana, con conseguenti ingenti guadagni nella vendita al dettaglio per il pastore improvvisato “agricoltore”, visti sfumare dall’ennesimo risolutivo intervento dei carabinieri reggini.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio