La sentenza

Basso profilo, la Cassazione annulla parte delle accuse all’assessore regionale Franco Talarico

Il tribunale del Riesame dovrà valutare nuovamente la posizione del politico lametino, dopo aver già escluso l'aggravante mafiosa. Ora dovrà pronunciarsi sull'associazione a delinquere e la corruzione elettorale

2
di Luana  Costa
8 settembre 2021
13:39

Dovrà passare nuovamente al vaglio del Tribunale del Riesame di Catanzaro la posizione dell'assessore al Bilancio, Franco Talarico, rimasto coinvolto nell'inchiesta istruita dalla Dda di Catanzaro denominata Basso Profilo e finito agli arresti domiciliari. Già in precedenza il Tribunale della Libertà aveva riqualificato i capi d'imputazione contestati al politico lametino escludendo l'aggravante mafiosa.

Franco Talarico, la sentenza della Cassazione

Questa mattina la Corte di Cassazione ha annullato con rinvio al Tribunale del Riesame la contestazione residuale dell'associazione a delinquere semplice. Franco Talarico è infatti accusato di aver fatto parte di un comitato d'affari costituito dall'imprenditore di Sellia Marina, Antonio Gallo, e da due amministratori locali di Catanzaro, Tommaso e Saverio Brutto. Resta in piedi l'accusa di corruzione elettorale, il politico è infatti accusato di aver ricevuto voti nelle elezioni politiche del 2018 in cambio di promesse di appalti.


Francesco Talarico all'obbligo di dimora

Accolta l'istanza avanzata dall'avvocato Francesco Gambardella che difende l'assessore regionale. Il Procuratore generale della Corte di Cassazione aveva chiesto l'inammissibilità del ricorso. Franco Talarico è attualmente gravato dall'obbligo di dimora.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top