Bocconi avvelenati a Cassano, il Comune avvia controlli

La commissione straordinaria ha emesso un’ordinanza per cercare di arginare il fenomeno e invita i cittadini a tenere i propri animali al guinzaglio e con la museruola

17
di Redazione
2 maggio 2019
11:05
Un cane randagio
Un cane randagio

A tutela della salute pubblica, della salvaguardia e dell’incolumità delle persone, degli animali e dell’ambiente, a seguito dell’abbandono in luoghi pubblici di esche e bocconi avvelenati per cani, la commissione straordinaria del Comune di Cassano All’Ionio, ha emesso un’apposita ordinanza. Nel provvedimento, inoltre, si dispone di tenere al guinzaglio i cani, muniti di museruola, in modo tale da impedire l’ingestione casuale di bocconi avvelenati o contenenti sostanze nocive o tossiche, nei seguenti luoghi: Corso Laura Serra, Via Teano, Via Genova, Via San. Nicola e via Fiume e in tutto il territorio comunale.

 


Chiunque rinvenga un animale morto o materiale che si sospetti possa essere un veicolo di sostanze tossiche o nocive (compresi vetri, plastiche, metalli o materiali esplodenti), eviti il contatto diretto e si attivi per la segnalazione agli organi competenti. Alla ditta Progitec, che gestisce il servizio dei rifiuti e dello spazzamento delle strade e spazi pubblici, il compito di segnalare con immediatezza al Comando della Polizia Locale il rinvenimento o la sospetta presenza di bocconi avvelenati su tutto il territorio comunale. La violazione dell’ordinanza comporterà, nei confronti dei responsabili, l’applicazione di una sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro, con facoltà per i responsabili di estinguere l’illecito con il pagamento della sanzione in misura ridotta di 50 euro. La commissione, ha demandato al Corpo di Polizia locale e alle altre forze dell’ordine sul territorio l’incarico di vigilare sull’applicazione e il rispetto del provvedimento.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio