Calabrese in Germania uccide la convivente e muore sotto i colpi della polizia

La tragedia si è consumata in Baviera. L'uomo originario di Campana aveva preso in ostaggio la donna dopo una violenta lite causata dalla gelosia. La polizia avvertita dai vicini l'ha trovato ancora armato dinanzi al corpo della sua vittima

di Matteo Lauria
11 novembre 2020
13:32
L’appartamento in cui si è consumata la tragedia
L’appartamento in cui si è consumata la tragedia

Prende sempre più forma la dinamica della morte di R.I, 46 anni, originario di Campana, poi trasferitosi a Crosia, sposato, con tre figli. Due con la prima moglie e un terzo il frutto di una storia d’amore in queste ore culminata in tragedia. L’uomo da qualche anno aveva lasciato la Calabria per trasferirsi a Tegernsee in Alta Baviera, insieme alla convivente, una donna di origine rumena, 25enne, con cui ha avuto un bambino. Le informazioni, diffuse dalla stampa tedesca, riferiscono che vi sarebbe stata una forte lite coniugale tra i due e, successivamente, il 46 enne avrebbe preso in ostaggio la convivente. Nel frattempo, dopo alcune segnalazioni pervenute dai vicini, interviene la polizia i cui agenti fanno irruzione nell’appartamento nel tentativo di salvare la donna. Terrificante lo scenario che si trovano di fronte: l’uomo armato di coltello e il corpo della 25enne riverso a terra e privo di vita. Alla vista dei poliziotti l’uomo si sarebbe scagliato contro con l’arma del delitto in mano.  È qui che si consuma l’ulteriore tragedia: uno degli agenti spara alcuni colpi di pistola e per R.I. è la fine, si accascia a terra e muore sul colpo.

Dramma della gelosia

Sullo sfondo emerge una ipotesi di femminicidio. Tutto nasce a causa di una travagliata storia di gelosia. La coppia era in crisi da tempo e il 46enne in questi giorni si era assentato per questioni di salute, costretto a un ricovero in ospedale. Pare che la sera del dramma l’uomo si fosse recato presso l’abitazione per consegnare dei documenti alla convivente poiché in scadenza il contratto di locazione. Quando entra in casa, tra una battuta ed altra, il conflitto verbale si trasforma in uno scontro in cui R.I. perde il controllo di sé ed uccide a coltellate quella che per lui è stato un grande amore.  Il 46enne nella Sibaritide ha lavorato in aziende agricole come trattorista, poi trova occupazione in Alta Baviera in una società che opera nella manutenzione autostradale.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio