Calabria, nelle scuole in arrivo 3,6 milioni per la didattica a distanza

Si tratta di una fetta degli 85 milioni stanziati appositamente dal Governo con il decreto Cura Italia. Serviranno per potenziare le piattaforme digitali, formare il personale scolastico e fornire alle famiglie in difficoltà dispositivi e connettività

73
di Redazione
30 marzo 2020
14:28

In arrivo in Calabria oltre tre milioni di euro per il potenziamento della didattica a distanza. «Si tratta nello specifico di 3.609.620 euro, risorse importanti per la scuola della nostra regione con cui oggi rispondiamo a un’emergenza, ma attraverso cui gettiamo anche le basi per il futuro. Tutto quello che stiamo facendo in questo momento rappresenta un patrimonio che ci resterà e consentirà alla comunità scolastica calabrese di crescere e migliorarsi ancora». Lo annuncia il deputato del Movimento 5 Stelle Alessandro Melicchio, componente della Commissione Cultura alla Camera, illustrando il decreto ministeriale per distribuire alle scuole, in attuazione del decreto legge del Governo ‘Cura Italia’, 85 milioni per la didattica a distanza.

 

«I fondi in Calabria - aggiunge - saranno così distribuiti: 400 mila euro potranno essere utilizzati dalle istituzioni scolastiche calabresi per favorire l’utilizzo di piattaforme e-learning e per dotarsi immediatamente di strumenti digitali utili per l’apprendimento a distanza, o per potenziare quelli già in loro possesso, ponendo attenzione anche ai criteri di accessibilità per le ragazze e i ragazzi con disabilità. Altri 3 milioni saranno utilizzabili per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi digitali per la fruizione della didattica a distanza. I restanti 200 mila euro serviranno per la formazione del personale scolastico sulle metodologie della didattica a distanza».

 

Il parlamentare pentastellato informa pure dell’arrivo di un ulteriore aiuto. «A supporto dei docenti sono stati assegnati in Calabria anche 35 assistenti tecnici informatici per le istituzioni scolastiche del primo ciclo, dove oggi queste figure non esistono. Il decreto individua le risorse disponibili scuola per scuola. Questi sono soldi che arriveranno direttamente nelle ‘casse’ degli istituti e che i dirigenti scolastici potranno utilizzare immediatamente. Questi sono atti concreti - conclude Melicchio - per migliorare la didattica a distanza, perché la scuola non si fermi, neanche in questo difficilissimo momento».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio