Caso Barbara Corvi, il marito: «Mi hanno accusato del delitto e mi hanno distrutto la vita»

Della donna si persero le tracce 12 anni fa. L’uomo venne accusato dell’omicidio per poi tornare in libertà: «Si cerchi la verità»

11
di Redazione
6 giugno 2021
20:42
Barbara Corvi, foto dalla puntata di Chi l’ha visto
Barbara Corvi, foto dalla puntata di Chi l’ha visto

«Sono stato distrutto come uomo, è stata distrutta la mia vita. Non ho più un lavoro perché il mio negozio è stato disertato dai clienti. Non solo mi hanno accusato di un delitto che non ho commesso ma hanno voluto anche annientarmi economicamente dandomi del mafioso»: Roberto Lo Giudice commenta con Klaus Davi le motivazioni del Tribunale del riesame che ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti nella quale è stato accusato dell'omicidio della moglie Barbara Corvi scomparsa da Montecampano di Amelia nell'ottobre del 2009.

Cresciuto in una famiglia vicina alla malavita ma da cui aveva preso le distanze, ai tempi della scomparsa, l’uomo - originario della Calabria - riferì di una relazione extraconiugale della donna con la quale viveva da «separati in casa».

 


«Non me la sento di accusare nessuno - ha detto Lo Giudice a Davi, che ha reso noto l'intervista -, sta ai magistrati verificare la verità. So solo che dal 2009 la mia non è più vita e adesso dovrò cercarmi un lavoro lontano da Amelia. Proprio in questo momento sto andando via perché ho trovato un lavoro altrove. Al primo posto per me c'è la famiglia, intesa come la mia famiglia di Amelia . La mia attività commerciale è stata distrutta mentre quella di altri prospera».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top